SPORT

Barrow e Orsolini piazzano l'uno-due, inutile il gol di Bonazzoli

Sampdoria choc, perde dal Bologna 1-2 e ora crisi nera

di steris

domenica 28 giugno 2020
Sampdoria choc, perde dal Bologna 1-2 e ora  crisi nera

GENOVA - La Sampdoria piomba nel dramma, crolla al cospetto di un Bologna che si è limitato a raccogliere i cocci della partita da terra. In uno stadio vuoto, colorato di blucerchiato solo negli striscioni che contornano il campo da gioco. Mihajlovic, grande ex alle prese con i postumi della malattia, si vede così negare l’applauso della sua Sud ma complica maledettamente la rincorsa salvezza del Doria. E adesso i blucerchiati sono attesi dallo spareggio di Lecce.

I blucerchiati partono consapevoli ma contratti e il gioco sviluppato non è certo spumeggiante. Al 10’ Soriano mette in mezzo dalla destra cercando Palacio, ma l’argentino è in ritardo. La Sampdoriia è volenterosa ma il Bologna sembra più qualitativo nelle giocate. La partita procede senza sussulti, con frequenti incursioni bolognesi sulla destra, ma che non producono effetto concreto.

La Sampdoria deve vincere ma non sembra averne le forze, il Bologna è più quadrato e solido e avanza spesso nella metà campo blucerchiata. Ma è tutt’altro che una bella partita. Al 20’ Audero salva su un tiro ravvicinato di Sansone. Al 23’ punizione di Gabbiadini, respinge Danilo, ci prova allora La Sampdoria ospita il Bologna a Marassi in uno stadio vuoto, colorato di blucerchiato solo negli striscioni che contornano il campo da gioco. Mihajlovic, grande ex alle prese con i postumi della malattia, si vede così negare l’applauso della sua Sud. I blucerchiati partono consapevoli ma contratti e il gioco sviluppato non è certo spumeggiante. Al 10’ Soriano mette in mezzo dalla destra cercando Palacio, ma l’argentino è in ritardo. La Sampdoriia è volenterosa ma il Bologna sembra più qualitativo nelle giocate. La partita procede senza sussulti, con frequenti incursioni bolognesi sulla destra, ma che non producono effetto concreto.

La Sampdoria deve vincere ma non sembra averne le forze, il Bologna è più quadrato e solido e avanza spesso nella metà campo blucerchiata. Ma è tutt’altro che una bella partita. Al 20’ Audero salva su Sansone, al 23’ Gabbiadini mette in mezzo e spazza via Danilo, sulla ribattuta Vieira calcia sul fondo. Nel Doria in evidenza Murru, che con frequenti affondi sulla fascia mette in difficoltà la difesa bolognese.

La Sampdoria guadagna metri, ma fatica a rendersi pericolosa, confermando i limiti di concretezza che la affliggono da inizio stagione. Non ci sono occasioni degne di nota e la gara sembra scivolare inerte verso l’intervallo.

Al 34’ prima vera occasione: Gabbiadini mette un bell’assist per La Gumina, che incrocia di sinistro ma trova Skorupski.

Il tempo si chiude con il Doria in avanti, ma la buona volontà non basta a trovare la via della rete. Gabbiadini ci prova da tutte le posizioni, ma è troppo solo e poco assistito dal centrocampo. Si chiude con una punizione dal limite per il Bologna, per fallo di Linetty su Orsolini: lo stesso esterno bolognese calcia altissimo. Si va al riposo sullo 0-0.

Si riparte senza sostituzioni, con la Sampdoria sempre prigioniera di se stessa. Soriano prova a sorprendere la difesa blucerchiata ma non trova spazio. Il registro delle occasioni resta fermo, Vieira calcia due volte dalla bandierina ma è il solito Gabbiadini, al 52’, a sfiorare l’incrocio con un tiro da fuori area.

Ai due terzi di gara, su corner, il Bologna sfiora la traversa con colpo di testa di Danilo. Risponde la Sampdoria con un contropiede e il tiro di Linetty deviato da Tomiyasu sul fondo. I blucerchiati crescono ma non trovano la porta, collezionano due corner in poco tempo. Ci prova Vieira da lontano e Skorupski devia sul fondo. La fatica ottunde le geometrie, le squadre si allungano, le iniziative patiscono il grado di improvvisazione che le contraddistingue.

Al 70’, uno scontro fra Tonelli e Medel propizia un contropiede di Palacio che serve Orsolini: sul bolognese frana Murru. Barrow trasforma il rigore ed è 0-1. Neppure il tempo di riordinare le idee e ancora Barrow affonda sulla sinistra per Orsolini: 0-2 e la Sampdoria crolla. La reazione arriva con Bonazzoli solo all’84’, ma è troppo poco. Tuttavia l’ex Inter centra il gol al minuto 88’ e sembra riaccendere la partita. Ma non succede più nulla. E ora la salvezza sembra sempre più difficile.

SAMPDORIA 1

BOLOGNA 2

RETE: 71’ Barrow (rigore), 74’ Orsolini, 88’ Bonazzoli.

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski (80’ Augello), Colley, Tonelli (73’ Yoshida), Murru (80’ Leris); Vieira, Ekdal, Depaoli, Linetty (80’ Ramirez); La Gumina (73’ Bonazzoli), Gabbiadini (a disposizione: Falcone, Augello, Chabot, Askildsen, Thorsby, Maroni, Leris, D'Amico, Bertolacci). All.: Ranieri.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Dijks; Medel (82’ Dominguez), Poli (54’ Schouten); Orsolini, Soriano, Sansone (54’ Barrow); Palacio (87’ Dominguez) (a disposizione: Da Costa, Denswil, Bonini, Krejci, Corbo, Juwara, Cangiano, , Svanberg, Baldursson). All.: Mihajlovic.

ARBITRO: Doveri.

AMMONITI: Ekdal, Medel, Tonelli.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place