CRONACA

Coinvolte venti aziende, 3 milioni di debiti

Rivieracqua non paga, 250 a rischio: sindacati in piazza davanti al Comune

marted́ 20 marzo 2018
Rivieracqua non paga, 250 a rischio: sindacati in piazza davanti al Comune

SANREMO -  I lavoratori dei sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno manifestato davanti al Comune di Sanremo, assieme ad alcune decine di edili, contro il "mancato pagamento di Rivieracqua", gestore unico del ciclo integrato delle acque in provincia di Imperia, "a una ventina di aziende, per un totale di circa tre milioni di euro e il contestuale rischio di licenziamento di 250 lavoratori del comparto".

A poche ore dalla riunione dell'assemblea del soci di Rivieracqua, le associazioni dei lavoratori hanno incontrato anche il presidente dell'azienda, Gian Alberto Mangiante, che ha rassicurato sulla possibilità di istituire un piano di rientro. "C'è in gioco il futuro di un indotto importante - ha commentato il segretario generale imperiese della Cgil, Fulvio Fellegara -. Un ulteriore ritardo o riduzione dei pagamenti avrebbe sicuramente conseguenze devastanti e l'ultimo anello della catena sono i lavoratori, che rischiano di pagare il prezzo più alto. Oggi uscirà un mandato esplorativo per salvaguardare l'azienda, ma anche tutti i creditori ed evitare così ripercussioni".

Per Massimo Frisiani (Filca Cisl): "Chiediamo un impegno preciso. La paura è che si possa andare a un concordato preventivo che provocherebbe solo danni. Gli imprenditori sono d'accordo a una dilazione, quindi un'apertura c'è e adesso serve un accordo". Per Marco De Andreis (Uil) "il problema non riguarda solo il comparto edile, che tuttavia interessa diciotto aziende e 250 lavoratori che oggi rischiano il posto. Vale a dire il dieci per cento circa della forza lavoro attuale in provincia di Imperia".

Commenti


I NOSTRI BLOG

zeneize tomorrow
Grif House
Samp Place