CRONACA

L'intervento di Confcommercio Genova

Rifiuti e cantieri autostradali, il mondo del commercio pretende risposte

di Luca Russo

giovedì 14 gennaio 2021
Rifiuti e cantieri autostradali, il mondo del commercio pretende risposte

GENOVA -  "Noi diciamo che bisogna ricostruire una ragionevolezza che non c'è stata prima". Dopo il verdetto della Corte dei Conti che impone al Comune di Genova di aumentare anche del 20% la tassa della spazzatura in questo 2021 Paolo Odone, presidente di Confcommercio Genova, chiede una seria riflessione per non penalizzare ulteriormente il settore. "Non si possono nsottoporre le aziende, che peraltro sono state chiuse e quindi di rumenta ne hanno prodotta molto poca, altre tasse" sottolinea Odone.

Lunedì le associazioni del mondo del commercio sono state convocate a palazzo Tursi con il vicesindaco Piciocchi e l'assessore Bordilli per un confronto. "Speriamo che ci sia una presa di coscienza - aggiunge la guida di Confcommercio Genova - necessaria per mettere in giustizia un rapporto completamente squilibrato ed esagerato". Ma sul settore, e più in generale su tutta la città, pende un altro disagio. Il cantiere sulla A7 che a febbraio limiterà ad una corsia il tratto tra Genova Ovest e Bolzaneto. Un intervento imposto da Autostrade per l'Italia senza l'annunciato confronto con il territorio.

"Devo dire che la rabbia nei confronti della ministra e del ministero è grande - conclude Odone - Ci avevano promesso di colloquiare con tutte le imprese attraverso la prefettura. La Camera di Commercio è stata invitata casualmente una volta e poi non è stata invitata più".



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place