POLITICA

Una perizia legale alimenta i dubbi sull'attesa del Comune di Genova

Processo Morandi, ecco perché se Tursi aspetta troppo Genova rischia di perdere i risarcimenti più 'pesanti'

di a.s.

venerdì 23 luglio 2021
Processo Morandi, ecco perché se Tursi aspetta troppo Genova rischia di perdere i risarcimenti più 'pesanti'

GENOVA -  La costituzione di parte civile del Comune di Genova nel processo sul crollo del Morandi resta in sospeso. Il Comune non svela le sue intenzioni. E nelle ultime giornate sono state diverse le prese di posizione di chi ha chiesto al sindaco di far sapere la strategia per ottenere i risarcimenti in sede processuale. Tra queste quello del comitato che rappresenta i familiari delle vittime.

Ma se da Palazzo Tursi filtrano voci secondo le quali, l’attesa del Comune sarebbe legata a ‘lavori in corso’ negli studi degli avvocati che devono mettere a punto la strategia legale sul fronte della richiesta dei risarcimenti, c’è chi dall’opposizione mette pressione. Il movimento 5 stelle, dopo aver chiesto (invano) al sindaco di esprimersi in Consiglio Comunale, ora è pronto a diffondere un parere legale firmato dall’avvocato Daniele Pomata, che mette in evidenza i rischi di un’attesa prolungata.

Il parere è riferito all’opportunità di esercitare la costituzione di parte civile nel processo originato dal crollo del Ponte Morandi. Ed evidenzia che andare oltre la prima udienza di metà ottobre “comporterebbe certamente altissimi rischi per la costituenda parte civile” e che “si rischia concretamente di non potere azionare la costituzione di parte civile nei confronti di quegli imputati che, ad esempio, opteranno per un rito alternativo”.

Ancora si lavora sul campo delle ipotesi ma non è folle ipotizzare che gli imputati ‘eccellenti’ di questo processo, a partire dall’ex amministratore delegato di Autostrade per l’Italia Giovanni Castellucci, possano optare proprio per il rito abbreviato.

Nel parere legale vengono anche evidenziati i rischi di una scelta che sarebbe al vaglio del comune di agire in sede di processo civile. Secondo quanto espone l’avvocato Pomata, ci sarebbero comunque forti rischi di “sospensione del processo civile in attesa degli esiti di quello penale” e che sarebbe una strada “di estrema complessità tecnica e onerosissima per chi agisce”.

E’ anche vero che al momento nessuno dal Comune di Genova ha mai esposto una tesi secondo la quale l’attesa sulle decisione legate alla costituzione di parte civile potrebbe protrarsi oltre l’inizio del processo. Ma è pur vero che il silenzio di Tursi resta un’enigma difficile da spiegare.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place