CRONACA

Germi diresse anche due beniamini della musica italiana

Pietro Germi, il consiglio comunale approva all'unanimità il riconoscimento al regista genovese

marted́ 03 dicembre 2019
Pietro Germi, il consiglio comunale approva all'unanimità il riconoscimento al regista genovese

GENOVA - Palazzo Tursi ha approvato e deliberato all’unanimità il riconoscimento al regista Pietro Germi. Nato a Genova nel 1914, frequentò le sale dei “pidocchietti” del centro storico e da qui nacque la sua passione per il cinema. E proprio nella sua città di origine cominciò a muovere i primi passi nel teatro Santa Maria di Castello.

Alcuni dei suoi film sono: "Il testimone" (1946), "Gioventù perduta" (1948), "Sedotta e abbandonata" (1964), "L'immorale" (1967), "Alfredo, Alfredo" (1972). "Signore e signori" del 1965 ricevette il Gran Prix per il miglior film al Festival di Cannes e il David di Donatello. Inoltre, Germi diresse due beniamini della musica italiana, Adriano Celentano in "Serafino" nel 1968 per il quale ottenne il Gran Premio del Festival di Mosca nel 1969, e Gianni Morandi in "Le castagne sono buone" nel 1970.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place