PORTI E LOGISTICA

Svolta per una delle opere ritenute dal mondo industriale, istituzione e politico fondamentale

Nodo ferroviario di Genova, il ministro De Micheli: "In arrivo la nomina del commissario"

mercoledì 23 ottobre 2019
Nodo ferroviario di Genova, il ministro De Micheli:

GENOVA - Una delle grandi battaglie di Primocanale potrebbe presto arrivare a una svolta decisiva e positiva. Si tratta del nodo ferroviario di Genova. Durante un Question Time il ministro alle Infrastrutture e trasporti del governo Conte bis Paola De Micheli ha infatti stretto i tempi per arrivare al più presto alla nomina di un commissario che si occupi di gestire l'opera, fondamentale per la crescita della città su cui l'editore di Primocanale Maurizio Rossi già durante il suo ruolo in commissione Trasporti al senato più volte ha ribadito la necessità.

"Dopo la costituzione del nuovo governo sono state riprese le interlocuzione con i vari soggetti istituzionali coinvolti al fine di pervenire all'individuazione di una figura professionale che possa adempiere al meglio alle complesse e molteplici attività che la disposizione di legge demanda al commissario. Interlocuzioni che porteranno all'individuazione del commissario e all'avvio della conseguente procedura nei prossimi giorni" ha spiegato il ministro. Si avvicina sempre più dunque la nomina del commissario.

L'importanza del completamento dell'opera e della realizzazione del collegamento e dunque il quadruplicamento della tratta ferroviaria che congiunge Genova, il suo porto e la città tutta con Milano è stata sottolineata anche nell’intervista rilasciata a Primocanale dal sottosegretario Traversi su sollecitazione di Maurizio Rossi, componente della commissione e trasporti della legislatura XVII. Traversi, unico ligure a far parte della squadra del governo giallo-rosso, ha spiegato anche l'importanza di unire la realizzazione del quadruplicamento con i lavori per il Terzo Valico, altra opera che la città aspetta: "Non congiungere Milano al Terzo Valico sarebbe un controsenso, l’opera diventerebbe una cattedrale nel deserto. Su questo sono già stato sollecitato in diversi convegni, me ne occuperò personalmente ha specificato Traversi. 

E proprio il mondo industriale e portuale di Genova compreso le istituzioni hanno più volte rimarcato proprio durante i convegni di Terrazza Colombo quanto sia fondamentale per lo sviluppo di Genova, della Liguria e del sistema Italia l'opera. In una di queste occasioni l'amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile aveva spiegato i tempi per la realizzazione del quaduplicamento ferroviario tra Genova e Milano spiegando che l'opera "è divisa in tre blocchi diversi. La prima è la Tortona-Voghera, siamo alla progettazione definitiva, questo tratto ha un costo di 900 milioni di euro e una fine lavori prevista nel 2024. Il secondo blocco è il Tortona- Voghera. Qui siamo in fase avanzata di progettazione e un valore di 600 milioni di euro e dovrebbe finire nel 2025. Il terzo è il Voghera-Pavia, qui siamo ancora indietro. Mentre per il nodo di Tortona i tempi sono quelli del Terzo Valico, quindi 2023" aveva precisato l'Ad di Rfi. Stessa tempistica individuata anche per i lavori alla rete ferroviaria al Campasso.

Il nome più gettonata alla corsa al ruolo di commissario è quello di Marco Rettighieri. Un profilo indicato dallo stesso premier Conte e apprezzato sia dalla Regione che dal Comune. Rettighieri, già commissario e attualmente presidente del consorzio Cociv, ha infatti maturato una lunga esperienza e conosce perfettamente la materia. Dall'attuale ministro è arrivato un assist, ora l'iter per arrivare alla nomina può subire lì'accelerata decisiva. Nell'opera che il commissario dovrebbe andare a gestire c'è anche la parte legata all'’ultimo miglio portuale rappresentato dal potenziamento di Genova Campasso il cui progetto è costituito dagli interventi inerenti il collegamento della tratta ferroviaria Bivio Fegino – Campasso – Porto storico con il Terzo valico e la linea Succursale dei Giovi, la cui attivazione è pianificata in due fasi rispettivamente nel 2022 e nel 2023.

"Siamo molti soddisfatti per l'annuncio fatto dal ministro delle Infrastrutture De Micheli. Il governo nominerà un commissario nei prossimi giorni per la realizzazione del nodo ferroviario di Genova". Così in una nota i deputati di Italia Viva Raffaella Paita e Luciano Nobili, per commentare la risposta del ministro De Micheli durante l'interrogazione da lorom proposta nel corso di un question time.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place