SPORT

Si riforma in Nazionale la coppia che dal 1984 al 1992 entusiasm˛ i tifosi della Sampdoria

Mancini: "Vialli, bello ritrovarsi in azzurro". Poi scherza: "La Sampdoria? Gianluca non aveva i soldi!"

lunedý 11 novembre 2019
Mancini:

 A ventisette anni e mezzo dalla finalissima di Wembley che segnò la separazione dopo otto stagioni eccezionali, si riforma in Nazionale la coppia più bella di sempre della storia della Sampdoria. Il ct Roberto Mancini accoglie infatti il “gemello” Gianluca Vialli, che da questa tornata di convocazioni assume ufficialmente il ruolo di capo delegazione della Nazionale.

Il capocannoniere 1991 aveva tenuto in stand by l’accettazione ufficiale dell’incarico per tutto il tempo della trattativa per l’acquisto della Sampdoria, di cui Vialli sarebbe diventato presidente nel quadro di una cordata formata dai miliardari angloamericani James Dinan e Alex Knaster. Ma la cordata di Gianluca, impegnata dalla fine dello scorso anno, estenuata dai continui rilanci e cambiamenti di scenario della controparte, si è definitivamente ritirata dalla trattativa il 7 ottobre scorso. Sul punto, Mancini si concede una battuta: “Vialli qui non mi stresserà per andare alla Sampdoria? Per prenderla non aveva i soldi…”

Più seriamente, Mancini rievoca la lunga esperienza vissuta al Doria accanto a Vialli: “Sono due cose molto belle, una ci lega a una vita di gioventù e successi, poteva essere una cosa molto bella. Poi venire qui, in Nazionale, stare insieme di nuovo è bello. Mi fa piacere che sia qua, spero che sia felice di questo, è una cosa bella ritrovarsi dopo diversi anni. Noi pensiamo di essere ancora giovani, ma alla fine il tempo passa".

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place