CRONACA

In Italia nove comuni su dieci sono a rischio idrogeologico

Maltempo, Coldiretti: "Dieci nubifragi al giorno da inizio autunno, rischio in Liguria al 100%"

mercoledý 07 ottobre 2020
Maltempo, Coldiretti:

GENOVA - Un dato rende l'idea: In questo inizio di autunno 2020 gli eventi metereologici sono più che raddoppiati (+119%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno con ben 160 nubifragi, grandinate, tornado e bombe d'acqua che hanno provocato frane, esondazioni e vittime lungo la Penisola. Una madia di 10 nubifragi al giorno. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti.

Mentre il Ponente ligure e il Piemonte stanno facendo la conta dei danni tra ponti crollati e strade interrote e fango si lavora senza sosta per cercare di avvicinarsi il prima possibile a una normalità le ondate di maltempo in questo inizio autunno continuano nel resto d'italia. Un territorio italiano reso fragile dalla cementificazione e dall'abbandono con più di nove comuni su dieci a rischio per frane o alluvioni (dati Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale). Per via della sua conformazione tra mare e montagna la Liguria arriva addirittura al 100%. Di fatto tutti i comuni della regione sono a rischio idrogeologico.

Sono 7 milioni gli italiani che vivono in aree a rischio frane, alluvioni ed esondazioni di fiumi in una situazione di incertezza determinata dall’andamento meteorologico che condiziona la vita e il lavoro. A questa situazione non è certamente estraneo il fatto che il territorio è stato reso più fragile dalla cementificazione e dall’abbandono che negli ultimi 25 anni ha fatto sparire oltre un quarto della terra coltivata (-28%) con la superficie agricola utilizzabile in Italia che si è ridotta ad appena 12,8 milioni di ettari secondo le stime di Coldiretti.

Le ondate di maltempo "hanno devastato le campagne dove è in pieno svolgimento la vendemmia ma anche la raccolta di mele, pere e sta iniziando quella delle olive e del riso. Edifici rurali lesionati, strade rurali interrotte, piante sradicate, serre divelte, animali affogati o bloccati in alpeggio, uliveti e vigneti spogliati, frutta e ortaggi rovinati e raccolti di riso distrutti con il lavoro di un intero anno andato perduto nelle aziende agricole con oltre 300 milioni di euro di danni produttivi e strutturali. 

Dati particolarmente pesanti per tutta la Liguria. Nella provincia di Imperia l'ultima ondata di maltempo ha causato la perdita di un'oliva su 3 pronta alla raccolta. In provincia di Savona, danni all'olivicoltura. Nel Levante l'esondazione del fiume Vara ha allagato le aziende dell'Alta Val di Vara, mentre la bufera di vento ha scoperchiato i tunnel di diverse aziende e colpito gli uliveti.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place