SPORT

La conflittualità con il presidente Ferrero sul mercato ha reso sempre difficili i rapporti con i dirigenti

La Sampdoria, Faggiano e i precedenti (da evitare) di Pradé e Sabatini

di Maurizio Michieli

mercoledì 21 luglio 2021
La Sampdoria, Faggiano e i precedenti (da evitare) di Pradé e Sabatini

GENOVA - Daniele Faggiano, 43 anni, pugliese di Copertino, in provincia di Lecce, è in procinto di assumere la responsabilità dell’area tecnica della Sampdoria. Un ruolo importante e scottante, visti i precedenti di Daniele Pradé, Walter Sabatini e Riccardo Pecini, tutti finiti inesorabilmente nel tritacarne del conflitto con il presidente Massimo Ferrero, abituato, per le operazioni di mercato, ad utilizzare disinvoltamente il contributo dei procuratori, da Pastorello a Pocetta, tanto per fare due nomi di rilievo.

Faggiano è reduce da un’altra esperienza scomoda, quella con il Genoa di Enrico Preziosi, altro padre padrone del calcio italiano, con il quale il matrimonio è durato appena cinque mesi.

Faggiano, che vanta un giovanile passato da portiere ma che già dall’età di 25 anni lavorava dietro la scrivania di Manduria e Brindisi nei dilettanti, per poi iniziare ad operare tra i professionisti con il Noicattaro in C2, ha dimostrato di sapere dare il meglio di sé quando è stato lasciato piuttosto libero di operare, come accaduto a Parma, condotto dalla Lega Pro alla serie A, con Roberto D’Aversa in panchina.

In precedenza aveva collaborato con Giorgio Perinetti a Siena e a Bari, quindi la bella esperienza da direttore sportivo a Trapani e quella turbolenta a Palermo con Zamparini, con il quale ruppe rapidamente i rapporti, a testimonianza ulteriore di un carattere fortemente autonomo.

Se riuscirà a resistere con Ferrero, lo dirà soltanto il tempo. Intanto, le prime trattative a cui Faggiano dovrà dedicarsi sono quelle di cessione degli esuberi, in sinergia con Carlo Osti, l’unico, inossidabile dirigente di lunga data della Sampdoria.  



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place