CRONACA

Individuata la banda di disturbatori: accuse pesanti

Interrompevano le lezioni on line nelle scuole: tre denunce dalla polizia postale

di Luca Russo

marted́ 23 marzo 2021



GENOVA - Interrompevano le lezioni a distanza con incursioni telematiche fino a provocare la sospensione delle lezioni. Tre giovani di cui uno minorenne residenti nelle province di Milano e Messina sono stati denunciati dalla Polizia Postale della Liguria.

Tutto è partito dalle denunce presentate da alcuni dirigenti scolastici del territorio ligure che lamentavano questo problema già nel primo lockdown.

Il lavoro della polizia postale non è stato semplice, ma alla fine si è arrivati a individuare gruppi su Telegram ed Instagrama creati appositamente con la finalità di disturbare le lezioni.

A condividere i codici di accesso alle video-lezioni spesso erano gli stessi studenti, anch’essi individuati dai poliziotti, che si sentivano al sicuro per via della apparente percezione di anonimato che sembra essere garantito dalle piattaforme social, riuscendo a pianificare attacchi durante le interrogazioni programmate.

"La Polizia Postale non ha tempo da perdere nel cercare di trovarci" dicevano nelle loro chat e invece gli agenti erano proprio sulle loro tracce.

Le indagini si sono così concentrate attorno ai tre denunciati che, una volta identificati, hanno subito ammesso le condotte contestate e devono ora rispondere di accuse anche piuttosto pensanti come interruzione di pubblico servizio e accesso abusivo ad un sistema informatico e telematico.

Sono in corso ulteriori accertamenti per scoprire altre responsabilità.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place