CURIOSITÀ

Il racconto di Stefano Cereseto

Il miele d'alta Valpolcevera sfida la Cina, ecco i segreti del giovane apicoltore

domenica 02 agosto 2020



SERRA RICCÒ - Oltre ai noti pericoli del meteo, che lo scorso anno avevano quasi azzerato la produzione a causa di un maggio freddo e piovoso, le nuove minacce per gli apicoltori liguri e italiani giungono dall'Oriente.

Produzione di miele generato senza api con principi organolettici che corrispondono in tutto e per tutto al prodotto più dolce: ecco, come la Cina aggredisce il mercato. "A noi non resta che la qualità" risponde il giovanissimo Stefano Cereseto da San Cipriano di Serra Ricco, oltre 350 alveari sulle colline d'alta Valpolcevera e una passione diventata lavoro.

L'annata 2020? "Non malvagia, ma neanche ottimale". A primocanale.it racconta i segreti della smielatura dove la tecnologia evita un po' di ore in laboratorio: "Ma qui l'apporto naturale e umano risulta sempre decisivo". 

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place