POLITICA

Il comico genovese fondatore del Movimento dal palco di Italia 5 Stelle

Grillo fa il Joker e rilancia il M5s: "Siamo cambiati, meraviglioso"

domenica 13 ottobre 2019



NAPOLI - Un Beppe Grillo in veste da Joker nel video che apre il suo intervento dal palco di Italia 5 Stelle, nell'Arena Flegrea a Napoli. Introdotto all'attore Patrizio Rispo, il video è iniziato con Beppe Grillo di spalle che, voltandosi, scopre la sua faccia truccata da Joker.

"Non vengo altrimenti mi chiedete che piani ho - ha detto Grillo - ma io non ho piani, voi ne avete a centinaia. Pensate a modificare il clima mentre quattro miliardi e mezzo di asiatici stanno moltiplicando i loro consumi di carbone, acciaio, materie prime, suv, ferrovie e gasdotti. Voi andate in bicicletta, avete i piani. Io non vivo nei piani, vivo in questa legge della termodinamica dove si sfascia tutto e tutto deperisce e si trasforma in altre cose. Non faccio piani, sono il caos".

Il comico genovese fondatore poi si prende la scena dal palco e parla del M5s e del mutamento del partito che dopo l'esperinza governativa insieme alla Lega ora sostiene il Conte Bis  con il Pd: "Noi siamo come la nave di Teseo, abbiamo cambiato tanti pezzi dentro, siamo cambiati. E' un momento che dovere percepire come straordinario. Quando il segretario del Pd dice 'tu vali tu' vuol dire che ha recpito il messaggio 'uno vale uno'. E' un grande successo il taglio dei parlamentari. Significa dare una narrazione al Pd e a migliaia di giovani, una narrazione che noi abbiamo avuto".

E poi Grillo, irrefrenabile, sul premier Conte aggiunge scherzando con il suo fare comico: "L'unico difetto che ha sono le adenoidi, andava sbloccato". Come spesso è capitato il comico genovese unisce il messaggio politico dietro le battute e rivendica nel suo show quanto fatto dal M5s negli anni, prima all'opposizione e poi al governo. Grillo nel corso della serata entra anche sulla possibilità di estendere il voto ai ragazzi di sedici anni e lo fa in modo provocatorio rispolverando un mantra caro al M5s: "Un bel vaffa a chi non vuole il voto ai sedicenni. Noi siamo l'unico Paese che per votare al Senato devi avere 25 anni, metà mondo ha meno di 24 anni, parliamo di 3 miliardi di persone. E noi in Italia i 16enni li consideriamo scemi, pensiamo che votino i genitori" spiega Grillo concludendo il suo show.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place