CRONACA


Futuro di Forza Italia, il coordinatore Toti: "Primarie indispensabili o il partito sparisce"

venerd́ 12 luglio 2019



GENOVA - A margine della conferenza stampa di presentazione del "PuntofacileAsl3" il governatore della Liguria Giovanni Toti parlato a lungo della situazione di Forza Italia e della necessità delle primarie: "Penso che le primarie siano utili, anzi indispensabili. Abbiamo un mondo da rivitalizzare perché ci sono grandi energie all'interno di Forza Italia e forse di più all'esterno che vanno riportate nell'alveo del centrodestra e organizzate". 

Il presidente della Regione Liguria sottolinea poi l'importanza di "Partire dal basso e ricostruire dal territorio, con il consenso, l'impegno, la mobilitazione di idee e persone uno schieramento moderato che affianchi i nostri alleati leghisti e gli amici di Fratelli d'Italia per costruire un centrodestra che possa di nuovo ambire a tornare al governo del Paese. Credo sia l'unico percorso necessario, per il centrodestra e per Forza Italia, che altrimenti rischia la scomparsa per inedia".

"Spero che ci siano molti capaci di sconfiggermi perché questo vorrebbe dire avere un centrodestra rivitalizzato, con tanta gente che viene dalla società civile, dalle liste civiche, dai mondi che ci hanno abbandonato, di nuovo convita a impegnarsi e spendere risorse per questo Paese". Così il governatore Ligure e coordinatore nazionale di Forza Italia Giovanni Toti sulle indiscrezioni secondo cui Berlusconi lavorerebbe a trovare l'alternativa a Toti per le primarie che il presidente della Liguria vorrebbe 'aperte'. "Non ho nessun timore a mettermi in gioco né a essere sconfitto se ci sarà qualcuno con idee migliori delle mie e gruppi di lavoro migliori di quelli che stiamo cercando di mettere in piedi. A questo servono le competizioni libere. Mi auguro che questa fase di democrazia e confronto sia una fase aperta, in cui ambizioni e idee possano competere", conclude Toti.

Infine Toti si è anche espresso in favore di un presidente del consiglio donna, "Una donna premier sarebbe una svolta e un vero segnale per questo paese. Ma, sia che si tratti di uomini che di donne, vale la legge fondamentale della democrazia: avere il consenso e i voti. Io mi auguro che, prima o poi, ci sia una donna premier. D'altra parte, credo ce ne saranno anche molte candidate alle primarie del mio partito, quando e se si faranno".

Commenti


I NOSTRI BLOG

zeneize tomorrow
Grif House
Samp Place