IL COMMENTO


Elogio dei "dimenticati Covid": cassiere, commesse e autisti di bus

di Mario Paternostro

domenica 26 settembre 2021
Elogio dei

Dunque per i lavoratori del pubblico si torna in ufficio. La lunga fase del lavoro a casa, quando va bene chiusi in una cameretta, isolati per quanto possibile dal resto della famiglia, dalle esigenze dei bambini piccoli agli affanni degli anziani, o soltanto relegati in un angolo, probabilmente davanti a un pc, con la colonna sonora di pianti, domande, commenti a voce alta, litigi. Questo smart non è stato una conquista, ma una necessità. Per molti anche un tormento.

Gli effetti del green-pass, certamente oggi più famoso dell’antica carta di identità, quella con la foto strappata in una cabina, occhi sbarrati e sguardo allucinato, sono anche questi. Si ritorna dietro la scrivania, ai colleghi visibili in carne e ossa, ai cittadini ansiosi e lamentosi, alla pausa caffè e a quella per il pranzo, finalmente davanti a una bella insalatona o a un magro toast. E’ un segno concreto di un tentativo di normalità

Con la fine del lavoro casalingo vorrei fare un piccolo-grande elogio a due categorie. Ai dimenticati del Covid che sono innanzitutto quelli da due anni in servizio pubblico e privato a continuo contatto con la popolazione mascherata o smascherata, sempre presenti, senza proteste, battaglie su presunti diritti e libertà calpestate dai vaccini e senza comparsate televisive come quelle riservate a filosofi e storici anche dell’arte (ma che cosa ne sanno dei vaccini?), commentatori polivalenti, giornalisti spesso in affanno e santoni.

Desidero elogiare i commessi/e e le cassiere/i dei supermercati (e dei negozi), senza distinzione fra Coop, Basko, Esselunga, Carrefour, sempre dietro la loro postazione (al chiuso), mascherina costantemente sul volto, anche nel pieno del lockdown assoluto a rifornirci di alimenti e altri generi di prima necessità. E gli autisti dei bus, costantemente al volante, esposti al libero starnuto altrui, quando noi fortunati ce ne stavamo chiusi in salotto a vedere la “Casa de Papel” o a decidere quale food-delivery utilizzare per la serata di sabato per lamentarci, poi, della prigionia anti-Covid. Viva la libertà e abbasso le dittature.

Non so quanti politici, sindacalisti e filosofi streaming se ne siano interessati. Spero che, anche se in ritardo, lo facciano.

Io, intanto, per qual che vale, li ringrazio personalmente.

 



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place