MOTORI

Trasferimento di moto, auto e camion da Marsiglia all'Arabia Saudita

Dakar 2020, tutti i mezzi arrivati in Arabia su nave dell'armatore Messina

sabato 04 gennaio 2020

Con i primi giorni dell'anno nuovo torna l'appuntamento con il Rally-Raid piu' famoso al mondo: la Dakar. La 42esima edizione della celebre gara ideata da Thierry Sabine, dopo una decina di anni in Sudamerica riattraversa l'oceano e rivede scenari a lei pił consoni. Auto, moto, elicotteri e camion hanno viaggiato da Marsiglia a Jedda su una nave della compagnia Messina di Genova.


GENOVA - Nonostante i venti di guerra, è stato completato con successo da parte di una nave italiana dell'armatore Messina il trasferimento in blocco di moto, auto e camion della Dakar 2020 dalla Francia all'Arabia Saudita, dove sta per iniziare la prima edizione della corsa svolta interamente in quel paese su 8000 chilometri di deserto. In tutto, 140 moto, 72 auto, 45 camion, 43 Ssv, 20 quad, 300 mezzi di assistenza e 10 elicotteri sono stati sbarcati nel porto saudita di Gedda dalla nave Jolly Palladio.

"Siamo orgogliosi di aver trasportato i mezzi della Dakar 2020 in Arabia Saudita, Paese con cui vantiamo relazioni dal 1936 e per il quale offriamo un servizio con le navi porta contenitori piu' grandi mai costruite al mondo" ha dichiarato l'ad Ignazio Messina. Il carico ha occupato oltre 5 chilometri lineari di spazio stiva. A fine gennaio, a rally ultimato, tutti i mezzi e i materiali saranno reimbarcati sulla nave italiana con destinazione Marsiglia.

LA DAKAR 2020 - Con i primi giorni dell'anno nuovo torna l'appuntamento con il Rally-Raid più famoso al mondo: la Dakar. La 42a edizione del celebre gara ideata da Thierry Sabine, dopo una decina di anni in Sudamerica riattraversa l'oceano e rivede scenari a lei più consoni. A ospitarla per la prima volta saranno i deserti dell'Arabia Saudita. Il via è stato spostato in avanti di qualche giorno e, quindi, invece del primo dell'anno, la bandiera verde è per domenica 5 gennaio. La lunga carovana formata da auto, moto, camion, quad e side-by-side dovrà affrontare 7.800 chilometri, dei quali 5mila tra canyon, dune, montagne e oasi, dal Mar Rosso fino a Gedda, per raggiungere dopo due settimane di dure prove Qiddiya, la città saudita più grande a Sud di Rijad.

CHI PUNTA ALLA VITTORIA - L'edizione 2020 è salita agli onori della cronaca per la prima volta del due volte campione del mondo di Formula 1 Fernando Alonso. L'asturiano, dopo aver vinto due edizioni della 24 Ore di Le Mans e il titolo iridato nell'Endurance (WEC), proverà ad arricchire il proprio palmares con la vittoria nel più celebre dei rally raid e lo farà al volante ancora una volta di una Toyota, al fianco di piloti del calibro del qatariano Nasser Al-Attiyah e del sudafricano Giniel De Villiers. Alonso alla guida del suo Hilux avrà al suo fianco il connazionale e pluri esperto della Dakar Marc Coma che di edizioni ne ha vinte ben cinque in sella alla KTM. El nano, oltre a guardarsi dalle insidie del percorso, dovra' fare i conti con una pattuglia di avversari di tutto rispetto. Primi fra tutti i componenti del team Mini X-Raid che schiera due pluri vincitori come l'ex campione del mondo rally Carlos Sainz e la leggenda della Dakar, il recordman di vittorie, il francese Stephane Peterhansel. Con loro anche l'altro iberico spagnolo Nani Roma e l'argentino Orlando Terranova.

GLI ITALIANI IN GARA - La flotta di piloti italiani alla Dakar 2020 comprende ben 27 driver, iscritti maggiormente nella categoria moto. Tra le due ruote spicca la partecipazione di Jacopo Cerutti, alla sua quinta esperienza, e del ligure Maurizio Gerini, che in Perù è stato il migliore dei nostri, nonché il vincitore della categoria Marathon. Poi Matteo Olivetto, Fabio Fasola, Mirko Pavan, Alberto Bertoldi, Cesare Zacchetti, Alessandro Barbero, Francesco Catanese. Fra le auto ci sono solo due equipaggi iscritti, appartenenti al R Team. Si tratta di Andrea Schiumarini in coppia con Enrico Gaspari e Marco Carrara con Leonardo Cini, entrambi al volante del Mitsubishi Pajero. Fra i camion abbiamo quattro equipaggi iscritti tra cui quello composto da Giulio Minelli, Claudio Bellina e Bruno Gotti nel team ItalTrans. Minelli nel 1986 ha vinto la Dakar nella categoria camion con Giacomo Vismara. Al via in Arabia Saudita ci sono anche Giulio e Giacomo Verzelletti-Antonio Cabini e Paolo Calabria-Paolo Calabria e Loris Calubini che dopo l'avventura con la PanDakar tornano al volante di due prototipi di camion di loro creazione. Infine nella categoria truck c'è anche il camion assistenza del R Team guidato da Ricky Rickler e Buran Dragos. Fra i SSV spicca l'equipaggio totalmente al femminile composto da Camelia Liparoti e Annett Fischer. In questa categoria ci sono anche Elvis Borsoi e Stefano Pelloni, Michele Cinotto e Marco Arnoletti e infine l'equipaggio composto da Fabio Del Punta e Giacomo Tognarini.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place