SPORT

Il capitano del Genoa riflette sulla pausa forzata inflitta all'Italia dal Coronavirus

Criscito: "Restiamo a casa, poi torneremo in strada ad abbracciarci"

domenica 22 marzo 2020
Criscito:

GENOVA - Il capitano del Genoa Domenico Criscito fa il punto sull'impatto dell'emergenza sanitaria sul mondo del calcio: "E’ una situazione spiacevole per tutta l’Italia. Ho già fatto tanti appelli, è necessario donare per salvare tante vite - dice a gianlucadimarzio.com - e stare vicini a medici e infermieri che rischiano ogni giorno. Bisogna restare a casa e lo dobbiamo a loro. Speriamo che possa finire presto, torneremo in strada ad abbracciarci".

Nel frattempo, Criscito si tiene in forma: "Io mi sveglio al mattino, faccio colazione e vado sul tapis roulant. Al mattino faccio un po’ di forza, a volte mi alleno con i bambini".

Tornando al calcio, Criscito dice: "La maglia del Genoa è mia, è difficile levarmela. L'Atalanta? Mi aspettavo che Gasperini potesse fare quest’exploit perché è bravo. All’inizio rischiava l’esonero, è stata brava l’Atalanta a tenerlo e poi è venuto fuori il Gasperini che conosciamo. Lui è stato importante perché ha creduto in me quando ero alla Juve, portandomi al Genoa".

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place