CRONACA

Bonus taxi per over 75, l'ordinanza esclude il trasporto ferroviario

Covid, la Liguria vieta spostamenti superflui nel weekend e riduce la capienza dei bus

gioved 29 ottobre 2020
Covid, la Liguria vieta spostamenti superflui nel weekend e riduce la capienza dei bus

GENOVA - Vietate le passeggiate 'senza giustificato motivo' in tutta la Liguria per tre sere a partire da venerdi 30 ottobre dalle 21 alle 6. il provvedimento è valido fino alle 6 del 2 novembre. Lo prevede la nuova ordinanza anti covid firmata dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti che estende le limitazioni in vigore a Genova a tutta la Regione durante il weekend di Ognissanti e la serata di Halloween. "E' previsto il divieto di circolazione in Liguria per tre serate in tutto il territorio della regione. Non si potrà sostare in strada dopo le 21 o 'ciondolare' in giro per le città", sottolinea Toti.

"L'estensione del 'modello Genova' al resto della Liguria nelle prossime serate è indispensabile per dare un messaggio forte, soprattutto ai giovani. Vogliamo evitare che i nostri ragazzi corrano dei rischi di potenziali contagi, abbassando la guardia durante il prossimo fine settimana, in cui solitamente si festeggia anche Halloween. Devono prevalere responsabilità e massima prudenza". Toti precisa che "non si tratta di un coprifuoco, ma di una forte raccomandazione a limitare gli spostamenti, se non indispensabili, evitando le occasioni di assembramento o aggregazione che possano in qualche modo favorire i contagi. Al di là di questa specifica misura, rivolgiamo alle persone anziane e fragili una forte raccomandazione a fare una vita ritirata, evitando i luoghi affollati e ogni situazione di potenziale rischio".

La capienza massima consentita sul trasporto pubblico via gomma in Liguria da sabato 31 ottobre scenderà dall'80 al 60%. Dall'ordinanza è escluso il trasporto ferroviario. La misura valida per il trasporto urbano ed extraurbano resterà in vigore fino al 24 novembre. "L'obiettivo è rendere meno affollato il trasporto pubblico in Liguria", ribadisce Toti. "Questo si unisce alla richiesta di rispettare sempre la regola di indossare la mascherina e sanificarsi le mani. Chiediamo, inoltre, ai cittadini la loro collaborazione per evitare assembramenti alle fermate, giacché le aziende di trasporto hanno già previsto corse aggiuntive sulle linee più frequentate, proprio per garantire che nessuno rimanga a piedi o debba salire su un autobus troppo affollato", spiega l'assessore regionale ai Trasporti Gianni Berrino.

"Noi abbiamo già gestito con le ordinanze emesse nei giorni scorsi quali debbano essere i comportamenti delle persone, le limitazioni che abbiamo sono quindi già sufficienti a gestire la situazione di Halloween, forse in altri Comuni dove non c'erano norme sufficienti hanno avuto bisogno di fare ordinanze specifiche", sottolinea il sindaco di Genova Marco Bucci che esclude ordinanze come quelle firmate dai sindaci di alcune cittadine del Tigullio in cui si vieta, ad esempio, anche di entrare nei negozi travestiti nei giorni del 31 ottobre e del 1 novembre.

"Le norme contenute nelle varie ordinanze vanno rispettate tanto piu' nel periodo di Halloween ma anche nei giorni festivi successivi, sono tutte ricorrenze che possono essere gestite bene se seguiamo le norme, solo così possiamo farcela senza drammatizzare troppo la vita di tutti i cittadini". Intanto, nelle ultime 24 ore la polizia locale di Genova ha elevato 41 sanzioni legate al mancato rispetto delle norme anti-covid in città. Di queste 39 hanno riguardato singoli cittadini e 2 attività economiche.

"Siamo d'accordo con la diminuzione della capienza dei bus al 60% e siamo fiduciosi di poter svolgere il servizio anche perché in base agli ultimi dati al momento, sui mezzi pubblici a Genova, non si supera mai il 44% del riempimento nelle ore di punta e il 40% in media", prosegue Bucci fornendo anche altri dati su Amt. "Gli autobus Amt in un giorno medio, prima del covid, trasportavano 703mila persone", la cifra ora è di circa "270mila, il 39% della normalità, come potete capire questo crea un problema per quanto riguarda la bigliettazione e quindi introiti ma stiamo cercando di risolvere con i fondi in arrivo dal governo e con quelli stanziati da noi".

Sarà esteso a tutti gli over 75 liguri, senza limiti di reddito, il bonus di 250 euro per il "trasporto in sicurezza", da utilizzare per taxi e ncc, con un limite di 30 euro per corsa. La domanda per ottenere il voucher andrà presentata sul sito di Filse, la finanziaria della Regione Liguria, o attraverso le associazioni dei consumatori, entro il 31 dicembre. A disposizione anche il numero verde 800.180.431. I buoni saranno caricati su una carta prepagata da ritirare agli sportelli di Banca Carige e potranno essere spesi a partire dal 9 novembre e fino al 30 giugno 2021.

Il bando, con un budget complessivo da 2,2 milioni, rimane aperto anche per le categorie per cui era stato inizialmente pensato ovvero persone affette da malattie rare o con esenzione per patologie che comportino difficoltà di deambulazione o in possesso di riconoscimento di invalidità civile al 100% e donne in gravidanza. A oggi sono state presentate 810 domande, con circa 700 voucher emessi. "Vogliamo andare incontro agli over 75, quindi a una parte della popolazione di cui vogliamo avere particolare cura e che vogliamo proteggere. Allo stesso tempo, questa scelta è in linea con le altre misure gia' adottate per alleggerire il trasporto pubblico locale", spiega l'assessore regionale alle Politiche sociali Ilaria Cavo.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place