SALUTE E MEDICINA

Il bollettino di lunedý 13 aprile

Coronavirus, diminuiscono gli ospedalizzati e aumentano i guariti in Liguria

lunedý 13 aprile 2020
Coronavirus, diminuiscono gli ospedalizzati e aumentano i guariti in Liguria

GENOVA - Ammontano a 4355 le persone positive al Covid-19 in Liguria, 60 più di ieri e sono 760 i deceduti dall’inizio dell’emergenza (+ 11). I test effettuati sono 23.129 (1146 più di ieri). Sono al domicilio 2217 persone (62 più di ieri), clinicamente guariti (ma restano positivi e sono al domicilio) 992 persone (28 più di ieri). I guariti con 2 test consecutivi negativi sono 479 (31 più di ieri).

I NUMERI IN DETTAGLIO - Secondo i dati relativi ai flussi tra Alisa e Ministero, dei positivi totali, 1146 sono gli ospedalizzati (30 meno di ieri), di cui 138 in terapia intensiva (6 meno di ieri), così suddivisi: Asl 1 – 176 (di cui 18 in terapia intensiva), Asl 2 – 148 (di cui 19 in terapia intensiva), San Martino– 288 (di cui 37 in terapia intensiva), Evangelico – 57 (di cui 5 in terapia intensiva), Ospedale Galliera – 123 (di cui 10 in terapia intensiva), Gaslini – 4, Asl 3 Villa Scassi – 183 (di cui 23 in terapia intensiva), Asl 3 Gallino Pontedecimo – 5, Asl 3 Micone – 2, Asl 4 – 50 (di cui 8 in terapia intensiva), Asl 5 – 110 (di cui 18 in terapia intensiva). I positivi divisi per provincia sono: Genova – 2372, Savona – 630, Imperia – 740, La Spezia – 500. 113 sono in fase di verifica. Le persone in sorveglianza attiva sono 3263, così suddivise: Asl 1 – 920, Asl 2 – 620, Asl 3 – 729, Asl 4 – 366, Asl 5 – 628.

ALTRI DUE MILIONI DI MASCHERINE IN LIGURIA - Si sono svolte nella mattina di lunedì 12 aprile alla Fiera di Genova le operazioni di scarico di ulteriori 2 milioni di mascherine chirurgiche e di oltre 100 mila Ffp2 acquistate da Regione Liguria in Cina e arrivate a Fiumicino grazie alla collaborazione dell'agenzia Dogane e monopoli. “La rete logicistica della Liguria dimostra di funzionare – commenta il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti. (CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI).

LA SITUAZIONE NELLE RSA - E’ morto nella mattinata di lunedì 13 aprile un operatore sociosanitario della Rsa San Camillo a Genova: aveva 52 anni, una bambina piccola ed era risultato positivo al Coronavirus. Questo è solo l’ultimo dei decessi registrati nelle residenze per anziani, le strutture che stanno pagando il prezzo più alto dell’emergenza in termini di vittime. (CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI).

VACCINO - Inizieranno a fine aprile in Inghilterra i test accelerati sull’uomo, su 550 volontari sani, del vaccino messo a punto dall’azienda Advent – Irbm di Pomezia insieme con lo Jenner Insitute della Oxford University.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place