MOTORI

Bissato il successo al Rally Adriatico, ora vola nella classifica tricolore

Cirt, ancora Consani: il francese vince anche il Rally Italia Sardegna

sabato 15 giugno 2019

Seconda firma consecutiva per i francesi Consani e De La Haye (Skoda Fabia R5) sempre pių leader del Tricolore terra. Punti pesanti a coefficiente 1,5 nell'appuntamento del Mondiale Rally. Secondi al fotofinish Scandola-D'Amore (Hyundai i20 R5), beffa nel finale per Marchioro-Marchetti (Skoda Fabia R5) terzi. (Immagini Aci Sport)


ALGHERO - Al Rally Italia Sardegna, Stephane Consani e Thibault De La Haye su Skoda Fabia R5 si aggiudicano il secondo round del Campionato Italiano Rally Terra. L’equipaggio francese completa una gara perfetta e firma la seconda meraviglia consecutiva dopo la vittoria al Rally Adriatico. Ora i leader del Terra si candidano come la coppia da battere tra i polverosi, con 37,5 punti saldamente al comando della classifica tricolore. Hanno spinto sin dai primi chilometri della tappa italiana del Mondiale Rally e si sono piazzati al comando mettendosi alle spalle anche i big del CIR. Vince quattro delle cinque prove iniziali, mette un minuto tra sé e i suoi inseguitori, poi il francese amministra e si gode i passaggi sulle magnifiche prove iridate fino al gradino più alto sul porto di Alghero.

Dietro Consani è stata battaglia all’ultimo polverone. Una battaglia di traversi che ha coinvolto tutti i 19 partenti per il CIRT. Per primo ha provato a replicare gli scratch Nicolò Marchioro sulla Fabia R5. Il giovane padovano a metà corsa, visto il passo del francese, ha iniziato a guardarsi più dietro che avanti. Quando sul finale sembrava aver respinto l’attacco di Umberto Scandola e Guido D’Amore (Hyundai i20 R5) una foratura all’ultima speciale gli ha fatto perdere anche la piazza d’onore mantenuta per tutto il rally. Quindi ride ultimo l’equipaggio sulla R5 coreana. Il veronese Scandola ha iniziato il RIS non al meglio per una foratura e una girata nel primo loop di speciali. Poi ha iniziato a trovare il feeling con la i20, gommata Michelin, del team ufficiale Hyundai Rally Team Italia, fino a piazzare lo scratch decisivo all’ultima “Monte Baranta” per il secondo posto finale.

Sorprendente invece il quarto assoluto per Massimo Squarcialupi e il fratello Giovanni su Ford Fiesta R5. Gioia simile anche per il veronese Luca Hoelbling, che porta a casa un quinto posto in una gara tutta in salita. Il suo navigatore Mauro Grassi è fuori gioco per un infortunio già durante lo shakedown. Così parte nell’inedita coppia con Federico Fiorini riuscendo a centrare un risultato memorabile. Sesto e primo tra le gruppo N l’equipaggio elvetico formato da Luca Maspoli e Marco Menchini su Mitsubishi Evo IX, mentre arriva il secondo successo di fila nel Trofeo Gruppo N 4 Ruote Motrici per Mattia Codato e Christian Dinale sulla Lancer Evo X gommata Yokohama. Quindi l’altra Evo X di Giuseppe Messori e Guido Pulici ottavi del Terra e terzi in gruppo N.

Emozione straordinaria, quella di concludere con successo la gara Mondiale, anche per il giovane toscano Simone “Barone Jr.” Baroncelli, con Simona Righetti, il migliore tra le Peugeot 208 R2 in corsa per il CIR Terra. Doppia, invece, la soddisfazione per i terraioli sardi, anche loro alla guida di 208 R2. Il pilota di Nuoro Andrea Gallu con Giuseppe Pirisinu completa la top ten davanti al giovane di Arzachena Michele Liceri, undicesimo con Salvatore Mendola, entrambi a ricevere l’abbraccio del loro pubblico all’arrivo. Archiviata la parentesi mondiale il Campionato Italiano Rally Terra rimanda la sfida al terzo round previsto a San Marino nel week end del 12 e 13 luglio.

CLASSIFICA FINALE: 1. Consani-De La Haye (Skoda Fabia R5) In 1:41'18.6; 2. Scandola-D'amore (Hyundai i20 R5) a 47.8; 3. Marchioro-Marchetti (Skoda Fabia R5) a 4'30.5; 4. Squarcialupi-Squarcialupi (Ford Fiesta R5) a 8'08.1; 5. Hoelbling-Fiorini (Hyundai i20 R5) a 9'06.0; 6. Maspoli-Menchini (Mitsubishi Evo IX) a 11'35.4; 7. Codato-Dinale (Mitsubishi Evo X) a 13'59.2; 8. Messori-Pulici (Mitsubishi Evo X) a 14'32.1; 9. 'Barone Jr.''-Righetti (Peugeot 208 R2) a 17'20.4; 10. Gallu-Pirisinu (Peugeot 208 R2) a 26'19.6; 11. Liceri-Mendola (Peugeot 208 R2) a 34'30.8;

CLASSIFICA CONDUTTORI CIRT DOPO DUE PROVE: 1. Consani-De La Haye (Skoda Fabia R5) 37,5pt; 2. Marchioro-Marchetti (Skoda Fabia R5) 27 pt; 3. Scandola-D'amore (Hyundai i20 R5) 26pt; 4. Hoelbling-Fiorini (Hyundai i20 R5) 13pt; 5. Squarcialupi-Squarcialupi (Ford Fiesta R5) 12pt; 6. Andreucci-Briani (Peugeot 208 T16 R5) 10pt.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place