CRONACA


Chiatta blocca ingresso e uscita dalla Marina, diportisti 'sequestrati' dai lavori di Amico&co

mercoledý 21 agosto 2019



GENOVA - E’ stata un’amara sorpresa per molti diportisti della darsena Marina Fiera, nei pressi della Foce a Genova. Una chiatta blocca entrata euscita, impossibile andare in mare. I lavori sono effettuati dai Cantieri Amico che si trovano al fianco della darsena. Il tutto ha di fatto paralizzato le attività nautiche, a quanto pare senza alcun preavviso.

La Capitaneria di Porto ha infatti rilasciato l’autorizzazione ai lavori il 19 agosto valida per il 20 e il 21. Con relativi divieti. Fino a questa sera rimarranno tutti blindati nel porticciolo. Stessa sorte per i diving e le altre attività di questo specchio acqueo che rimangono in pieno agosto sospesi, fermi, in attesa che i Cantieri Amico finiscano i lavori. E con molta probabilità anche domani la situazione non cambierà, perché le operazioni non sono ancora terminate.

Il varco portuale – si legge nell’ordinanza - è stato chiuso per consentire le attività di installazione di una piattaforma metallica per la realizzazione del nuovo impianto di sollevamento navi ship-lift per il Cantiere. Il dispositivo della Capitaneria prevede l’interdizione dello specchio acqueo che comprende le aree di molte attività in Darsena, con divieto di navigare con qualunque unità sia da diporto sia ad uso professionale, il divieto di praticare balneazione e accedere allo specchio acqueo interessato, il divieto di effettuare attività di immersione con qualunque tecnica, il divieto di svolgere attività di pesca di qualsiasi natura.

Una situazione che ha creato molto malumore: pescatori, diving, ma anche i tanti appassionati di mare con una barca ormeggiata alla Darsena Marina Fiera hanno dovuto rinunciare a giornate in mare in questa settimana che presentava condizioni meteomarine eccezionali: “Non c’è stata una adeguata e preventiva comunicazione. E ora non sappiamo fino a quando ci sarà il blocco” dice un diportista inferocito per la situazione.

“Avvieremo una richiesta di risarcimento sia ad Autorità portuale che ad Amico – aggiunge il titolare di una imbarcazione che di professione fa l’avvocato - È un danno anche economico, non si può chiudere il porto il 20 di agosto”.C’è anche chi deve rientrare dalle vacanze e ormeggiare la barca. E l’incertezza sui tempi rende il tutto ancora più assurdo: “E poi si parla di Genova come città turistica – sbotta un genovese che sperava di godersi una giornata in mare aperto – è un fatto inaudito”.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place