ECONOMIA

Questo quanto emerge nella rendicontazione volontaria

Banca Carige, in semestrali svalutati crediti per 317 milioni

sabato 31 agosto 2019
Banca Carige, in semestrali svalutati crediti per 317 milioni

GENOVA - Dalla rendicontazione volontaria di Banca Carige è emerso che le perdite a 428,5 milioni segnate nei 6 mesi scontano rettifiche su crediti per 317,3 milioni per la maggior probabilità di svalutazione in uno scenario di cessione dell'intero portafoglio deteriorato. Sono 82,2 milioni gli accantonamenti per rischi: 43,5 milioni per la cessione delle assicurazioni e 25 milioni nell'ipotesi che con la gestione della quasi totalità del portafoglio deteriorato vada indennizzato il Credito Fondiario che lo ha in gestione.

Spiega Carige nella rendicontazione volontaria certificata pubblicata venerdì 30 agosto, dove il rosso per 428,5 milioni va confrontato a una perdita netta per 20,5 milioni a giugno 2018, che il risultato riflette oltre alla gestione ordinaria anche due effetti. Da un lato quelli della mancata approvazione dell'aumento di capitale da parte dell'Assemblea del 22 dicembre 2018: "tra gli altri – spiega Carige -, gli oneri maggiorati sul prestito subordinato Tier 2 che non è stato convertito in equity e gli oneri delle garanzie statali sulle emissioni garantite".

Dall'altro ci sono 'gli effetti delle operazioni propedeutiche al progetto Fitd/ccb', con "gli effetti derivanti dall'inclusione dello scenario di cessione nelle valutazioni dei crediti deteriorati oggetto di potenziale cessione nell'ambito dell'implementazione della Npe Strategy del Gruppo". Nei sei mesi Carige segna un margine di intermediazione per 202,6 milioni, in flessione del 7,5% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il margine di interesse segna una contrazione del 39% a 66,6 milioni, mentre le commissioni nette si riducono del 13,3% a 104,4 milioni.

 



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place