PORTI E LOGISTICA


Anche Spinelli Ŕ un 'no Tav': "Ci sono altre prioritÓ". E sul petrolchimico: "Resti dov'Ŕ"

di Matteo Cantile

venerdý 22 febbraio 2019



GENOVA - Aldo Spinelli ne è convinto, la TAV può aspettare: anche il 'Commendatore' si schiera quindi contro l'alta velocità tra Torino e Lione, opera giudicata non prioritaria.

"Ha ragione il ministro Danilo Torninelli - ha detto Spinelli a margine della presentazione del contributo della Lega Serie B alla Valpolcevera - io sono stato, nel 91-92, presidente dell'autostrada del Frejus e membro della commissione della Torino - Lione, già all'epoca spendemmo 50 milioni in progetti, quest'opera può aspettare ancora. Ci sono altre priorità, il programma delle ferrovie, specialmente sul porto di Genova e la Diga Foranea che farà uscire definitivamente dal passato il nostro scalo". 

Spinelli si esprime anche sul ventilato trasferimento di Carmagnani e Superba: "Devono restare a Multedo - dice - non ci sono altre zone della città che possono sopportare un insediamento così inquinante. Le case della zona sono state costruite dopo il deposito peltrolchimico, quindi chi è andato ad abitare li lo ha fatto nella consapevolezza che di fronte a casa aveva un potenziale pericolo. Penso che ora sia giusto dotarlo di protezioni, come quelle in prossimità delle autostrade, ma spostarlo no". 


Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place