CRONACA

Verifica partita dall'interrogazione di L'Abbate (M5s)

Tari raddoppiata per un errore di calcolo: anche Genova prepara i super rimborsi

10/11/2017 ore: 19.57

Tari raddoppiata per un errore di calcolo: anche Genova prepara i super rimborsi

GENOVA - Molti comuni italiani, tra cui Genova, hanno moltiplicato illegittimamente la tassa sui rifiuti, la Tari. Hanno applicato più volte su un singolo immobile, applicandola anche su garage, soffitte e cantine, la quota variabile che caratterizza questo tributo. Risultato: il balzello è stato complessivamente gonfiato, in alcuni casi fino a raddoppiare. Il problema non è di poco conto, visto che riguarda molti comuni, alcuni anche grandissimi.

Un primo check alle delibere l'ha fatto il Sole24Ore scoprendo che ad inciampare sono state anche grandi realtà: oltre a Genova anche Milano, Napoli, Catanzaro, Cagliari, Ancona, Rimini, Siracusa, in modo trasversale da Nord a Sud e prescindendo dal colore politico che guida le amministrazioni.

Il merito di aver strappato a livello parlamentare il velo su questo 'errore', dando così l'avvio ad una campagna di rimborsi che potrebbe valere anche molti milioni, va comunque al deputato M5s, il pugliese Giuseppe L'Abbate. Il suo commercialista gli aveva segnalato l'anomalia commessa nel comune dove risiede, Polignano a Mare. Lui ha quindi chiesto chiarimenti con una interrogazione alla quale il ministero dell'Economia in Commissione Finanze ha dato una risposta, sicuramente tecnica, ma chiarissima nel senso e nelle conseguenze.

"La parte variabile della tariffa - ha spiegato il sottosegretario Pierpaolo Baretta - va computata solo una volta considerando l'intera superficie dell'utenza composta sia dalla parte abitativa che dalle pertinenze situate nello stesso comune".

L'esempio portato dall'interrogazione era quello di un appartamento di 100 metri, con un garage di 30 metri e una cantina di 20 metri. In concreto il comune aveva applicato i 2 euro della quota fissa sui 100 metri e sul 50% della superficie di garage e cantina. Ma poi aveva applicato su ogni singolo cespite catastale i 141 euro della quota variabile, che così veniva moltiplicata per tre. Risultato: una stangata di 673 euro contro i 391 che, in base al chiarimento del ministero dell'Economia, dovranno essere pagati.

Ora chiaramente si apre la strada per i rimborsi. Per comprendere se si è pagato di più bisognerà prendere i bollettini di pagamento inviati dai comuni che riportano anche i calcoli della tariffa applicata sulle singole unità immobiliari e sulle pertinenze: quest'ultime non devono contenere la quota variabile. Se questa invece è riportata si può richiedere il rimborso.

C'è tempo fino a 5 anni (quindi lo si può fare retroattivo) e il comune può compensare il dovuto sulle bollette future o dover restituire il maggior importo pagato in 180 giorni. "Meglio tardi che mai", commenta L'Abbate. "Pensare - aggiunge - che l'interrogazione l'avevo presentata nel 2016 e che la risposta è arrivata un anno dopo. L'errore si sarebbe potuto correggere prima".

"Come Movimento 5 Stelle Genova ci siamo giá attivati e presenteremo martedì in Consiglio Comunale un ordine del giorno per impegnare la giunta Bucci a verificare immediatamente e con effetto retroattivo il procedimento di calcolo della Tari del Comune di Genova e, qualora l'errore venisse riscontrato, ad avviare subito un percorso che preveda il rimborso del non dovuto a tutta la cittadinanza", ha annunciato Luca Pirondini Capogruppo M5S in Comune a Genova.

"Si è aperto un vaso di Pandora: diversi comuni hanno sbagliato il calcolo della Tari - ha osservato Alice Salvatore -, con cifre gonfiate fino al doppio del dovuto. Oltre al Comune di Genova è possibile che tanti altri Comuni in tutta la Liguria possano essere incappati in questo macroscopico errore e chiederemo come Movimento 5 Stelle di chiedere una verifica in tutte le realtà territoriali in cui siamo presenti", ha concluso Salvatore.