CRONACA

Strada condivisa dai sindacati, dopodomani in Consiglio

Amt pubblica, cambia lo statuto: primo sė delle commissioni a Tursi

24/10/2017 ore: 18.39

Amt pubblica, cambia lo statuto: primo sė delle commissioni a Tursi

GENOVA -  Le commissioni Affari generali e Territorio del Consiglio comunale di Genova oggi pomeriggio a Palazzo Tursi hanno licenziato la delibera proposta dalla Giunta Bucci per modificare lo statuto di Amt e mantenere l'azienda 'in house' lasciando da parte l'ipotesi privatizzazione. La delibera sarà sottoposta al voto del Consiglio comunale dopodomani.

"Amt resta in mano pubblica, pur nella consapevolezza che non è una strada in discesa - commenta il vicesindaco e assessore comunale alla Mobilità Stefano Balleari - Ora lo statuto di Amt deve essere necessariamente modificato, per ottemperare alla decisione presa".

Per l'adozione delle linee guida dello statuto, ha detto ancora Balleari, il Comune si è rivolto all'Anac e ha valutato analoghi regolamenti presenti in altre città italiane. I sindacati Faisa Cisal, Uil Trasporti e Cgil Trasporti, si sono espressi favorevolmente ribadendo che l'obiettivo in house è condiviso.

Il direttore di Amt Stefano Pesci ha poi delineato un quadro generale del bilancio dell'azienda, ricordando l'aumento del costo del gasolio (1 milione di euro) e l'impossibilità di completare l'esodo agevolato dei dipendenti che rientravano nel fondino.

A ciò si aggiunga una riduzione di 3 milioni sul bilancio di previsione e una riduzione pari a 2,5 milioni di euro, relativa ai fondi regionali destinati ai trasporti, dovuta a una corrispondente riduzione dei fondi nazionali. Amt ha lavorato su vari fronti, riuscendo a compensare i primi due fattori con l'aumento dei ricavi del traffico e ad effettuare anche altri risparmi.