IL COMMENTO

Si fa avanti una nuova generazione di giovani

Promosse le focaccette "clonate", il Pd a Genova punta sui giovani sindaci

29/08/2017 ore: 10.05

di Mario Paternostro

Promosse le focaccette

 "Sono nata a Crevari e la ricetta delle focaccette me l'ha insegnata mia nonna". La giovane militante del Pd "confessa". Davanti allo stand delle focaccette modello Festa 2017, c'è una lunga coda che non fa rimpiangere le memorabili code delle focaccette di Crevari col marchio doc, oggi protagoniste dello scisma politico-gastronomico che ha minato l'appuntamento tradizionale della ripresa politica a Genova. Gli avventori, non tutti con la tessera in tasca, dichiarano che queste focaccette del Ponente sono squisite.

La ricetta della nonna passata alla "concorrenza" orlandiana funziona benissimo. E su questa ricetta onestamente clonata si può leggere con meno angoscia e qualche sorriso in più il tormento che si sta consumando dentro il Pd genovese tra i renziani e gli altri. Le renzianissime focaccette del circolo che al segretario ha dato la più grossa soddisfazione in terra genovese, sono state copiate perfettamente grazie alle tradizioni di una nonna e alla capacità di una solerte nipotina. Lunga coda mentre Enrico Morando, viceministro all'Economia spiega che o si punta sui bonus per i giovani o il Paese non riparte. E si capisce che lui, leader della cosiddetta destra del partito, all'aumento delle pensioni minime preferisce giocare tutto sui bonus giovani. O meglio, va bene ci mancherebbe, ma non creiamo l'ennesima frattura tra generazioni. L'occupazione giovanile da sostenere con provvedimenti strutturali sarà la vera battaglia del Pd in campagna elettorale insieme all'aggancio alla carica europeista della Francia di Macron e della Germania di chi vincerà' era le elezioni di settembre.

Da Genova dove il Pd da anni subisce le sconfitte più dolorose e dove i militanti sempre generosi nonostante tutto, regalano all'unico partito-partito del Paese le ore delle loro ferie, Morando suona una specie di carica. Contro gli anti-europeisti, i Cinquestelle primi fra tutti qui nella città di Beppe Grillo.

Poi spiega al giovane e coraggioso sindaco Pd di Ventimiglia , Enrico Ioculano, come fare per chiedere al governo fondi in più per il suo comune, riempito di migranti ma con esigenze quotidiane da soddisfare. Ecco la nuova generazione di un Pd che oggi suonato come un tamburo, non perde la speranza di rifarsi una vita. I sindaci concreti e vicini alla gente, Ioculano, Pezzana e altri. Altri amministratori sparsi per la Liguria insofferenti ai rituali delle correnti, a reggere le code ai capi-popolo della tradizione. Che poi sono quelli che per questi metodi con le ragnatele non hanno capito dal 2012 dove tirava l'aria e hanno portato un partito che aveva raccolto molte speranze alla disfatta. Alla festa si vedono più giovani, come quelli dello staff delle focaccette clonate così bene tanto da sembrare quelle vere. Che sia un segnale?