CRONACA

L'ançiaña a l'à ciammou aggiutto: "Son comme in prexon"

A tormenta o passou maio e a seuxoa, arrestâ da-a Poliscia

18/11/2015 ore: 17.37

A tormenta o passou maio e a seuxoa, arrestâ da-a Poliscia

GENOVA - A relaçion co-o maio a l'ea finia, ma lê a no voeiva mollâghe. Telefonæ, messaggi, tormenti e menasse, tanto che e seu vittime l'an fæta affermâ da-a Poliscia.

Protagonista unna zeneise de 47 anni, missa a-i arresti in cà pe stalking. Inte l'ammia da dònna no gh'ea solo o passou maio, ma anche a seuxoa. A l'é stæta lê à ciammâ aggiutto apreuvo che a neua, ch'a l'aiva tòsto menassou o figgio de mòrte a-o telefono, a l'inscisteiva à sunnâ a-o citòfono.

I xandarmi l'an agguantâ inte scæ do palaçio. A no gh'ea neuva perché a seia avanti ean za intervegnui pe-a mæxima raxon, tanto ch'a çercava de scappâ. L'ançiaña scignoa a l'à contou a-i polisciòtti de resegondæ violense pscicològiche ch'aivan costreito o figgio a stramuâ. Unna scituaçion d'anscëtæ costante ch'a â fava vive comme unna prexonea.

VERSIONE ITALIANA

La relazione col marito era finita, ma lei non voleva rassegnarsi. Telefonate, messaggi, vessazioni, finché le sue vittime non l'hanno fatta fermare dalla Polizia.

Protagonista una genovese di 47 anni, messa agli arresti domiciliari per stalking. Nel mirino della donna non c'era solo l'ex marito, ma anche la suocera. È stata lei a chiamare aiuto dopo che la nuora, che aveva appena minacciato il figlio di morte al telefono, suonava insistentemente al citofono.

Gli agenti l'hanno intercettata nelle scale del palazzo. Non gli era nuova perché la sera precedente erano già intervenuti per lo stesso motivo, mentre cercava di scappare. L'anziana signora ha raccontato ai poliziotti le ripetute violenze psicologiche che avevano costretto il figlio a trasferirsi. Una situazione di ansia continua che la faceva vivere come una prigioniera.