CRONACA

1233 esprescioin accuggeite da-o Franco Bampi

Un libbro pe descrov torna tutti i mddi de d zeneixi

10/11/2015 ore: 19.56

Un libbro pe descrov torna tutti i mddi de d zeneixi

GENOVA - “Ëse in sciâ Rammetta”, “Piggiâ a Savöia”, “Aveine unna göscia”. L'é solo quarchedun di mòddi de dî zeneixi accuggeiti da-o Franco Bampi inte un libbro presentou ancheu a-o pubrico.

E esprescioin coiose e particolæ contegnue inte l'euvia en 1.233. “I mòddi de dî zeneixi son unna cösa ch'a ne fa reconosce”, commenta o Bampi, professô de fixica à l'Universcitæ de Zena e conosciuo à Primocanale pe-a seu presensa inte trasmiscioin in lengua zeneise. “Quande î sentimmo, semmo de parlâ a mæxima lengua e d'ëse da mæxima reixe. E son quelli che se perdan primma”.

Un libbro ch'o se propoñe comme un strumento pe repiggiâ e ricchesse tipiche da lengua zeneise: “Anemmo avanti à parlâlo inte tutte e occaxoin – dixe o Bampi – e femmolo torna sccioî comme unna bella reusa”. O seu mòddo de dî preferio? “M'é cao dî: 'Son messe dite'. Coscì ghe mettemo unna pria adòsso”.

VERSIONE ITALIANA

“Ëse in sciâ Rammetta”, “Piggiâ a Savöia”, “Aveine unna göscia”.Sono solo alcuni dei modi di dire genovesi raccolti da Franco Bampi in un libro presentato oggi al pubblico.

Le espressioni curiose e particolari contenute nell'opera sono 1.233. "I modi di dire genovesi sono una cosa che ci fa riconoscere", commenta Bampi, professore di fisica all'Università di Genova e noto a Primocanale per la sua presenza nelle trasmissioni in lingua genovese. "Quando li sentiamo, sappiamo di parlare la stessa lingua e di essere della stessa radice. E sono quelli che si perdono prima". 

Un libro che si propone come uno strumento per recuperare le ricchezze tipiche della lingua genovese: "Continuiamo a parlarlo in tutte le occasioni - dice Bampi - e facciamolo risbocciare come una bella rosa". Il suo modo di dire preferito? "Mi piace dire: 'Son messe dite'. Così ci mettiamo una pietra sopra".