CRONACA

A protesta contra o mancou reneuvo di contrŠti

Sabbo sci˛pero di supermercoei: "Condišioin de travaggio asciurde"

06/11/2015 ore: 12.53

Sabbo sci˛pero di supermercoei:

GENOVA - Chi aniâ à fâ a speisa porrieiva trovâse e sæxiñe asbasciæ: son ben ben i ponti de vendia toccæ da-o sciòpero di supermercoei organizzou pe sabbo, i 7 de novembre, da-i scindicati da distribuçion organizzâ.

Coop, Rinascente, Ikea, Upim e tantiscime atre e cadeñe che tegnian serrou. A protesta naçionale a l'é contra o mancou reneuvo di contræti de settô. I scindicati troñan: “N'an propòsto de condiçioin de travaggio asciurde: levâ o pagamento da moutia, taggiâ e azzonte pe-i giorni de festa, redue i sati d'ançianitæ e o Tfr. No poemo ciù açettâlo”.

Cöse cangia pe chi accatta? “Di dipendenti mâpagæ louan mâvoentea, pezoieiva a qualitæ do servixo”, dixe i scindicati.

Intanto da-a Coop fan savei che tutte e buteghe in Liguria restan averte ascì co-o sciòpero, e inte unna nòtta scrivan: “L'é stæto spantegou de informaçioin erræ, voemo renovâ i contræti ma adattando i costi convegnui co-i atri scindicati”. De seguo a guæra ascosa di supermercoei a no finisce chì.

VERSIONE ITALIANA

Chi andrà a fare la spesa potrebbe trovarsi le saracinesche abbassate: sono molti i punti vendita coinvolti nello sciopero dei supermercati organizzato per sabato 7 novembre dai sindacati della distribuzione organizzata.

Coop, Rinascente, Ikea, Upim e tantissime altre le catene che terranno chiuso. La protesta nazionale è contro il mancato rinnovo dei contratti di settore. I sindacati tuonano: “Ci hanno proposto condizioni di lavoro assurde: eliminare il pagamento della malattia, tagliare le maggiorazioni per i giorni festivi, ridurre gli scatti d'anzianità e il Tfr. Non possiamo più accettarlo”.

Cosa cambia per i consumatori? “Dipendenti sottopagati lavorano malvolentieri, peggiorerebbe la qualità del servizio”, spiegano i sindacati.

Intanto dalla Coop fanno sapere che tutti i negozi in Liguria resteranno aperti nonostante lo sciopero, e in una nota scrivono: “Sono state diffuse informazioni errate, vogliamo rinnovare i contratti ma adattando i costi convenuti con gli altri sindacati”. Di sicuro la guerra nascosta dei supermercati non finisce qui.