CRONACA

Chi desbarca o no spende guŠi

Zena invasa da-e croxee, "ma e recheite econ˛miche en tr˛ppo p÷che"

28/10/2015 ore: 14.30

Zena invasa da-e croxee,

GENOVA - Zena invasa da-i turisti de croxee, ma son ben pöchi à cantâ vittöia. Soddisfæti quelli de Staçioin Marittime, che da l'arrivo de mäi tante nave gh'an de l'avvantaggio, ma i bitegæ freñan.

E recheite econòmiche de 40 mia passaggê in gio pe-a çittæ, 15 mia inte un solo giorno, en stæte ciù basse do previsto. Da-i dæti de l'osservatöio regionale sata feua che chi desbarca da-e croxee o no ghe tia guæi à spende. E quelli pöchi che mettan man a-o pòrtafeuggio s'accattan giusto o caffè, o panetto, quande va ben o disnâ.

In de ciù, se torna in sciâ costion de bitteghe da tegnî averte, a-o manco inti momenti de grand'abbondansa de pubrico. Tròppo de spesso capita de trovâ a çittæ serrâ. Inti urtimi anni s'é fæto quarcösa, con un programma pe informâ chi l'é in croxea de biteghe averte inti giorni de festa. Ma, dixe e associaçioin de categoria, l'é ciæo che, pe avei di effetti poxitivi, beseugna louâghe ancon.

VERSIONE ITALIANA

Genova invasa dai crocieristi, ma sono ben pochi a cantare vittoria. Soddisfazione da Stazioni Marittime, che dall'arrivo di così tante navi traggono vantaggio, ma i commercianti frenano.

Le ricadute economiche di 40 mia passeggeri in giro per la città, 15 mila in un solo giorno, sono state più basse del previsto. Dai dati dell'osservatorio regionale risulta che chi sbarca dalle crociere non è molto propenso a spendere. E quei pochi che mettono mano al portafogli si comprano giusto il caffè, il panino, al massimo il pranzo.

Inoltre, si torna sulla questione dei negozi da tenere aperti, almeno nei momenti di grande affluenza di pubblico. Troppo spesso capita di trovare la città serrata. Negli ultimi anni si è fatto qualcosa, con un programma per informare i crocieristi dei negozi averti durante i festivi. Ma, dicono le associazioni di categoria, è chiaro che, per avere effetti positivi, bisogna lavorarci ancora.