CRONACA

O Ferrante: "Interventi pe 200 mia euro"

Zena, o Borgo di IncroxŠ o se fa bello co-i dinŠ do Munišipio

lunedý 19 ottobre 2015

O Borgo di IncroxŠ o se mette o vestţ de feste. └ Zena o lĺÚ tornou avvoxou pe-e tante alluvioin patie, ma sto carroggio in sciÔ riva do Besagno o ghĺÓ ciu de millĺanni de st÷ia. O Munišipio o lĺÓ vosciuo investţ pe dÔghe recatto.


GENOVA - O Borgo di Incroxæ o se mette o vestî de feste. À Zena o l’é tornou avvoxou pe-e tante alluvioin patie, ma sto carroggio in sciâ riva do Besagno o gh’à ciu de mill’anni de stöia. O Muniçipio o l’à vosciuo investî pe dâghe recatto.

À comensâ da l’astrego, ch’o piggiâ o pòsto de l’asfalto segondo o modello de atre stradde pedonalizzæ inta çittæ vegia. Into mezo de ciassa Raggi, davanti à l’intrâ da metrò, se mettiâ di neuvi vaxi de scioî pe impedî o parchezzo sarvægo. “Ma ghe saiâ 25 pòsti ciù de primma”, dixe o Mascimo Ferrante, prescidente do Muniçipio do Basso Besagno.

O Borgo o cangia pelle, ma quarche novitæ a sponta in sciô cian da seguessa ascì. Dòppo o pannello co-e luxe pe mostrâ o livello d’allerta meteo, se refaiâ tutto o scistema de grixelle ch’arrecheuggian l’ægua ciuvaña. I bitegæ ringraçian. Travaggi che costian in scî 200 mia euro, “ma ste speise ê femmo delongo dòppo aveine parlou co-e gente – assegua o Ferrante – e dapeu o l’ea un peccou avei un borgo mai bello reduto coscì mâ”.

L’antiga stradda romaña verso o Levante a torniâ à luxî comme ‘na vòtta. Sperando che o Besagno o se ne stagghe queto.

--

VERSIONE ITALIANA

Borgo Incrociati si mette il vestito delle feste. A Genova è tornato famoso per le tante alluvioni subite, ma questo vicolo in riva al Bisagno ha più di mille anni di storia. Il Municipio ha voluto investire per riqualificarlo.

A cominciare dal lastricato, che sostituirà l’asfalto secondo il modello delle altre strade pedonalizzate nella città vecchia. In mezzo a piazza Raggi, davanti all’ingresso della metropolitana, verranno installate nuove fioriere per impedire il parcheggio selvaggio. “Ma ci saranno 25 posti più di prima”, dice Massimo Ferrante, presidente del Municipio Bassa Valbisagno.

Il Borgo cambia pelle, ma qualche novità spunta anche sul piano della sicureazza. Dopo il pannello luminoso per segnalare il livello di allerta meteo, si rifarà tutto il sistema delle griglie che raccolgono l’acqua piovana. I negozianti ringraziano. Lavori che costeranno circa 200 mila euro, “ma queste spese le facciamo sempre dopo averne parlato con la gente – assicura Ferrante – e poi era un peccato avere un borgo così bello in un simile degrado”.

L’antica strada romana verso il Levante tornerà a splendere come un tempo. Sperando che il Bisagno stia tranquillo.

Commenti



I NOSTRI BLOG