CRONACA

I ci¨ tanti ašidenti capitan in šittŠ

Zena: meno m˛rti in scŕ stradde, ma gh'Ú ci¨ vittime Ó pŕ e in sce doe reue

giovedý 29 ottobre 2015

Chi˝a zu o numero di m˛rti e di ferii, ma cresce quello di ašidenti in scŕ stradde da šitŠ. Son i dŠti spantegŠ da lĺosservat÷io permanente in scţ ašidenti straddali che fot˛grafan a scituašion do 2014 inta provinsa de Zena.


GENOVA - Chiña zu o numero di mòrti e di ferii, ma cresce quello di açidenti in scê stradde da çitæ.

Son i dæti spantegæ da l’osservatöio permanente in scî açidenti straddali che fotògrafan a scituaçion do 2014 inta provinsa de Zena.

L’intençion do monitoraggio a l’é quella de capî megio e dinamiche e i pòsti ciù a reisego. O banso o l’é poxitivo à reo, ma gh’é un dæto ch’o dà da pensâ: monta o numero di mòrti tra i pedoin e chi va in möto. Euggi pontæ in sce ste doe categorie, quelle che ciù de tutti pagan co-a vitta l’uso da stradda. I ciù tanti açidenti capitan in çittæ. Solo l’8% in autostradda.

Notiçie ch’arrivan insemme a l’approvaçion da lezze in sce l’assascinio straddale. Peñe ciù due pe chi caxoña di açidenti pe corpa seu, ma o Francesco Cozzi, procuatô azzonto de Zena, o l’arregòrda: “Oua serve un travaggio de prevençion e educaçion da fâ inte scheue, inte famigge e in scî mezzi d’informaçion”.

Cala il numero dei morti e dei feriti, ma aumenta quello degli incidenti sulle strade urbane. Sono i dati diffusi dall’osservatorio permanente sugli incidenti stradali che fotografano la situazione del 2014 in provincia di Genova.

Scopo del monitoraggio è quello di capire meglio le dinamiche e i luoghi più a rischio. Il bilancio è complessivamente positivo, ma c’è un dato che fa riflettere: aumenta il numero di morti tra pedoni e motociclisti. Occhi puntati su queste due categorie, quelle che più di tutti pagano con la vita l’uso della strada. La maggior parte degli incidenti avvengono in città. Solo l’8% in autostrada.

Notizie che arrivano insieme all’approvazione della legge sull’omicidio stradale. Pene più severe per chi causa colpevolmente incidenti, ma Francesco Cozzi, procuratore aggiunto della Repubblica di Genova, ammonisce: “Ora serve un’opera di prevenzione ed educazione da fare a scuola, in famiglia e sui media”.

Commenti



I NOSTRI BLOG