CULTURA

Le curiositÓ dell'Archivio di Stato con la prova della genovesitÓ di Colombo

Viaggio in Liguria: la storia di Genova? Oltre 35 chilometri di carta

di Gilberto Volpara

giovedý 03 marzo 2016



GENOVA - La consistenza di quella storia è misurata da oltre 35 chilometri di scaffalature.  “Abbiamo fatto, l’abbiamo fatto meglio degli altri e il mondo ha imparato da noi”. E’ la sintesi che i genovesi possono fare dopo una visita all’archivio di stato nei pressi di Carignano. Una ricchezza enorme che regala primati spesso dimenticati.

Lì è custodito, per esempio, il più antico registro notarile cartaceo al mondo o il primo codice della navigazione ma anche la prova della genovesità di Cristoforo Colombo, nonché la testimonianza di come i commerci verso la Cina fossero iniziata prima qui che a Venezia. E poi il gli annali di Genova con Caffaro portati a Parigi da Napoleone: tutto in una storia della città minuziosa tra guerre, cambi di governo, nascita di chiese in un percorso  che va dal 1009 a fine 1200. Senza dimenticare il gioco del lotto creato qui da quello che originariamente era intitolato gioco del seminario e all’inizio considerato fuori legge.

L’Archivio di Stato di Genova, insomma, rappresenta una ricchezza che scatta dal decimo secolo e prosegue tuttora nonostante le difficoltà di uno Stato che fa quello che può – poco – per preservare la memoria. E dunque su base locale chi opera lì giornalmente si è inventato la nuova formula: "Diamo la possibilità di restaurare un documento a ogni persona con appena 5 euro, iva compresa".

Fin d’ora, intanto, per tutti la possibilità di consultare ogni documento via internet semplicemente attraverso il sito dell’Archivio di Stato di Genova.

Commenti


I NOSTRI BLOG

zeneize tomorrow
Grif House
Samp Place