CRONACA

Generi alimentari vanno distribuiti solo attraverso la Croce Rossa

Ventimiglia, stop al cibo non autorizzato ai migranti: torna l'ordinanza del sindaco

venerdì 12 agosto 2016
Ventimiglia, stop al cibo non autorizzato ai migranti: torna l'ordinanza del sindaco

VENTIMIGLIA - Il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano, considerata "la persistente emergenza umanitaria, con l'arrivo di un numero sempre maggiore di migranti", ha emesso un'ordinanza con cui vieta la somministrazione di cibo e bevande su area pubblica da parte dei soggetti non autorizzati.

Nel documento si legge che chiunque volesse distribuire generi alimentari ai migranti, può farlo soltanto rivolgendosi alla Croce Rossa, che gestisce il centro di accoglienza del Parco Roja oppure alla Caritas.

Nell'ordinanza viene specificato che "è presente presso il Parco Roja un centro temporaneo di assistenza delle persone migranti" e che "la Croce Rossa offre, tra gli altri servizi, quello di manipolazione e somministrazione cibi nel rispetto della vigente normativa igienico sanitaria".

"In diverse occasioni è stata segnalata la presenza di persone non autorizzate che provvedono alla distribuzione di cibi preparati privatamente, in particolare nella zona sotto il cavalcavia di Roverino e nel piazzale antistante la parrocchia di Sant'Antonio.

Tali comportamenti determinano il reale rischio di tossinfezione alimentare delle persone migranti, sopratutto in considerazione delle problematiche determinate dalle temperature medie della stagione estiva", si legge nell'ordinanza.

Commenti


I NOSTRI BLOG