CRONACA

Il sindaco Ioculano: "Non Ŕ normale che un comune sostituisca lo Stato"

Ventimiglia, 220 mila euro per i minori in transito: "Ma il Ministero ce ne riconoscerÓ meno della metÓ"

di Santo Scarfone

lunedý 06 giugno 2016
Ventimiglia, 220 mila euro per i minori in transito:

VENTIMIGLIA - Nei primi cinque mesi del 2016 la gestione dei minori in transito è costata al Comune di Ventimiglia 220 mila euro, ma lo Stato ne riconoscerà meno della metà. La notizia arriva direttamente dal sindaco della città di confine Enrico Ioculano, che ha reso noto questo dato rispondendo a un commento sulla propria pagina Facebook. "Fate una proiezione sino alla fine dell'anno e poi ditemi se è normale che un comune debba sostituirsi allo stato", scrive amareggiato il primo cittadino.

L'aggravio di costi per i Comuni dovuto alla presenza di minori non accompagnati era stato denunciato già alcuni mesi fa dai sindaci del Ponente ligure in una riunione che si era tenuta a Sanremo. Un elemento, quello economico, che rende ancora più pesante l'emergenza migranti a Ventimiglia. Al momento, inoltre, malgrado le continue sollecitazioni del sindaco Ioculano, la possibilità di aprire un centro di accoglienza transitorio non risulta fattibile in tempi brevi e serve il sì della Prefettura.

Lo stesso primo cittadino su Facebook ammette la complessità di aprire una struttura di accoglienza. "Occorre valutare ogni aspetto e non solo il luogo di insediamento. Il primo nodo, che rappresenta la discriminante fondamentale e ha ricadute complessive, è la tipologia di struttura e per chi. Poi - aggiunge Iouculano - bisogna anche analizzare come gestire un'ipotesi di struttura: chi, con quali risorse (umane, economiche e materiali), con quali e per quali numeri, in che rapporto con le istituzioni e per quanto tempo".

In attesa che qualcosa si muova su questo fronte, sono ancora circa 600 i migranti ospitati nella parrocchia di Sant'Antonio. 400 di loro, sulla base del nuovo sistema adottato dalla Caritas, hanno accettato di farsi registrare. La situazione è ormai al limite e lo stesso direttore della Caritas diocesana, Maurizio Marmo, auspica "al più presto" l'apertura di un centro di accoglienza.

Intanto circa 70 migranti sono stati vaccinati contro la varicella, dopo che alcuni ospiti dell Chiesa di Sant'Antonio avevano contratto la malattia nei giorni scorsi. Il provvedimento riguarda soprattutto chi è stato a contatto con le persone malate. Tra i vaccinati ci sono anche tre volontari della Caritas. Come a dire che le ripercussioni dell'emergenza migranti a Ventimiglia non ha più confini: umanitari, numerici, economici e sanitari.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place