CULTURA

Stasera Liguria Ancheu con il tg della settimana in genovese

venerd́ 27 marzo 2015
Stasera Liguria Ancheu con il tg della settimana in genovese

GENOVA - Appuntamento alle 21 con la trasmissione dedicata ai dialetti della Liguria. Il programma della serata prevede sorprese legate a un famoso gioco da scatola legato alla città di Genova, ma anche tanta comicità grazie all'apporto degli ospiti che affiancheranno il professor Franco Bampi. Come sempre possibilità di intervenire da casa attraverso il numero verde 800640771. A metà serata il telegiornale in genovese con i fatti più importanti della settimana a cura di Fabio Canessa. A seguire la consueta sintesi della scaletta con relativa traduzione.

FRANSA, O PILÒTTO O CACCIA ZU L’AIRBUS: 150 MÒRTI

Dizastro inti çê da Fransa: un Airbus A320 da compagnia todesca Germanwings o l’é cheito zu con 150 personn-e a bòrdo, tutte mòrte into creppo. L’airoplano o l’ea in servixo in sciâ træta Dusseldorf-Barçelonn-a. A ‘n çerto ponto do xeuo, o l’à comensou a asbasciase e o l’é deschinou pe 12 menuti finn-a pigiâ ‘na patta inte Arpe Françeixi. Pasou quarche giorno, da l’analixi da scatoa neigra l’é sâtòu feua che saiva stæto pròpio o pilòtto a fâ quella maneuvra: Andreas Lubitz, 28 anni, çitæn todesco, o l’à aspêtòu d’arestâ solo inta gabinn-a pe levâ i comandi outomatichi e mandâ zu l’apægio. L’atro pilòtto o l’à çercou finn-a l’urtimo de sfondâ a pòrta serâ co-a ciave, sensa ariêscîghe. Nisciunn-a finalitæ teroristica, pâ che l’òmmo o patisse de deprescion. Tra-e vitime gh’é ‘n gruppo de figeu de 16 anni che tornavan in Germania dòppo ‘na setemann-a de scangio tra cortue in Spagna. “O giorno ciu neigro pe niatri, o pezo da poeise aspêtâ”, l’à dito co-o magon o scindico do paize donde ne vegniva i scolai.

RUMENTA E PETRÒLIO, PROTESTE A ZENA E BORGO FORNÆ

Liguria e ambiente, i çitæn mogognan contra i progetti avansæ da-e aministraçioin. A Borgo Fornæ, fraçion de Ronco Screivia, gh’é do sciato pe l’ipòtexi de ‘n incianto de trasferensa pe-a rumenta, saiva a dî un scito de descarego e carego tra i cammi da valadda e quelli che van in Piemonte. Da chì a quarche setemann-a se votiâ pe-o comun e i abitanti an poia che a magioransa a fasse de tutto pe schivâ e polemiche e fase elezze torna. O scindico in carega Simone Franceschi, ch’o no poriâ otegnî un terso mandou, o l’à aseghiou che no s’é ancon decizo ninte e che l’incianto o no daieiva nisciunn-a magagna a-o paize. Atra bataggia averta a l’é quella pe impedî o stramuo do pölo petrolchimico sotta a Lanterna. L’idea a l’é contegnua into cian regolatô avou da Tursci e aprovou da-o comitato do pòrto, ma a mettise de refesso gh’é segge o Muniçipio che e asociaçioin do teritöio.

FORZA ITALIA A GHE PREUVA CO-O TOTI, O PAGAN O SE RETIA

No finisce mai i zeughi tra-e fòrse politiche in corsa pe-e regionale. Dòppo di incontri a livello naçionale tra a Lega Nord e Forza Italia, i doî partii, torna apaxentæ, louan pe corî a brasetto inte çerte regioin, compreizo a Liguria. Se ciætezza de candidâ o Giovanni Toti, anche ben che da pe coscì gia za o nomme do leghista Rixi comme bandea comun do çentrodrita. E defæti i seu compagni de partio arestan da mæxima: “Tròppo tardi pe retiase – dixan – niatri stemmo co-o Rixi. O Toti o no gh’à de rapòrto co-o teritöio”. Ma l’urtima poula a pertocca a-o Salvini, ch’o poriæ ascì sacrificâ o Rixi pe no rompî i acòrdi co-o Berlusconi. In sce l’atra riva o pasou scindico spezin Zòrzo Pagan o retia a candidatua: “Ou fasso perché son contra e divixoin e perché no veuggio stâ inte ‘na lista con in çimma o Pastoin – o l’à dito – a seu a l’é ‘na politica vegia e stalîa, fæta da-i remazuggi di partii”. Intanto o Pd o l’anonçia castighi – finn-a caciâ via da-o partio – pe tutti i esponenti che se metian pubricamente contra a Raffaella Paita.

LIGURIA GAZIBÂ: I DERUI DE NAVE INTO PÒRTO DE PIOMBINO

No gh’é Concordia ch’a tegne, pe-o Governo e nave saian desfæte a Piombino e no a Zena. L’anonçio o l’à afogou i scindicati, che inte ‘na nòtta conzonta parlan de ‘n pòrto zeneize misso a-i löi, con tutto che l’operaçion conduta a stæ pasâ a l’aviæ dovuo scignificâ l’avio definitivo de ‘na neuva ativitæ. O pòrto toscan, perso a bataggia pe-o stracco da Costa, o goagna però tutte quelle a vegnî. I scindicati dixan che “a sto ponto no se peu ciu zinzanâ: bezeugna definî a-o ciu fito a scitoaçion di ciantê pe-o recatto de nave, pasando da-e poule a-i fæti”.

SANTA MARGAITA, ‘NA SETEMANN-A IN COMPAGNIA DI AXI

Se ve capitesse de vedde di axi in gio pe Santa Margaita, no gh’é ninte de stranio. A l’é ‘n iniçiativa do comun riviasco pe mostrâ a-e gente l’importansa da lentessa, do rapòrto co-e bestie e comme se mesciava i nòstri antighi. Sêi azenette pe ‘na setemann-a acompagnian i figeu a-a scheua, portian da mangiâ a-i ançien, montian co-i zoeni in scî sentê do monte de Pòrtofin. Ne vegnan tutte da ‘n alevamento de Reggio Emilia e son za a feliçitæ de grendi e picin.

FRANCIA, IL PILOTA FA PRECIPITARE L’AIRBUS: 150 MORTI

Disastro nei cieli della Francia: un Airbus A320 della compagnia tedesca Germanwings è precipitato con 150 persone a bordo, tutte morte nello schianto. L’aereo era in servizio sulla tratta Dusseldorf-Barcellona. A un certo punto del volo, ha iniziato a perdere quota ed è sceso per 12 minuti fino a schiantarsi sulle Alpi Francesi. Dopo qualche giorno, dall’analisi della scatola nera è risultato che sarebbe stato proprio il pilota a fare quella manovra: Andreas Lubitz, 28 anni, cittadino tedesco, ha aspettato di rimanere solo in cabina per togliere i comandi automatici e dirigere il veicolo verso al suolo. L’altro pilota ha cercato fino all’ultimo di sfondare la porta chiusa a chiave, senza riuscirci. Nessuna finalità terroristica, sembra che l’uomo soffrisse di depressione. Tra le vittime c’è un gruppo di ragazzi 16enni che tornavano in Germania dopo una settimana di scambio culturale in Spagna. “Il giorno più nero per noi, il peggio che ci si possa aspettare”, ha detto trattenendo le lacrime il sindaco del paese dove risiedevano gli studenti.

RIFIUTI E PETROLIO, PROTESTE A GENOVA E BORGO FORNARI

Liguria e ambiente, i cittadini protestano contro i progetti proposti dalle amministrazioni. A Borgo Fornari, frazione di Ronco Scrivia, c’è agitazione per l’ipotesi di un impianto di trasferenza per i rifiuti, cioè un sito di scarico e carico tra i camion della vallata e quelli che vanno in Piemonte. Tra qualche settimana si voterà per il comune e gli abitanti temono che la maggioranza faccia di tutto per evitare le polemiche e farsi rieleggere. Il sindaco in carica Simone Franceschi, che non potrà ottenere un terzo mandato, ha assicurato che non s’è ancora deciso nulla e che l’impianto non darebbe alcun problema al paese. Altra battaglia aperta è quella per impedire lo spostamento del polo petrolchimico sotto la Lanterna. L’idea è contenuta nel piano regolatore varato da Tursi e approvato dal comitato portuale, ma a mettersi di traverso ci sono sia il Municiapio sia le associazioni del territorio.

FORZA ITALIA CI PROVA CON TOTI, PAGANO SI RITIRA

Non finiscono mai i giochi tra le forze politiche in corsa per le regionali. Dopo una serie di incontri a livello nazionale tra la Lega Nord e Forza Italia, i due partiti, riappacificati, lavorano per correre a bracetto in alcune regioni, compresa la Liguria. Si vocifera di candidare Giovanni Toti, benché da molto tempo giri già il nome del leghista Rixi come bandiera comune del centrodestra. E infatti i suoi compagni di partito non cambiano idea: “Troppo tardi per ritirarsi – dicono – noi stiamo con Rixi. Toti non ha rapporto col territorio”. Ma l’ultima parola spetta a Salvini, che potrebbe anche sacrificare Rixi per non infrangere gli accordi con Berlusconi. Sull’altro versante l’ex sindaco spezzino Giorgio Pagano ritira la candidatura: “Lo faccio perché sono contro le divisioni e perché non voglio stare in una lista capeggiata da Pastorino – ha detto – la sua è una politica vecchia e stantia, fatta dai residui dei partiti”. Intanto il Pd annuncia provvedimenti – fino all’espulsione dal partito – per tutti gli esponenti che si contrapporranno pubblicamente a Raffaella Paita.

LIGURIA BEFFATA: LE DEMOLIZIONI NAVALI AL PORTO DI PIOMBINO

Non c’è Concordia che tenga, per il Governo le navi saranno demolite a Piombino e non a Genova. L’annuncio ha infuocato i sindacati, che in una nota congiunta parlano di porto genovese beffato, nonostante l’operazione condotta la scorsa estate avrebbe dovuto significare l’avvio definitivo di una nuova attività. Il porto toscano, persa la battaglia per il relitto della Costa, vince però tutte quelle a venire. I sindicati dicono che “a questo punto non si può più esitare: bisogna definire al più presto la situazione dei cantieri delle riparazioni navali, passando dalle parole ai fatti”.

SANTA MARGHERITA, UNA SETTIMANA IN COMPAGNIA DEGLI ASINI

Se vi capitasse di vedere degli asini in giro per Santa Margherita Ligure, non c’è nulla di strano. È un iniziativa del comune rivierasco per insegnare alla gente l’importanza della lentezza, del rapporto con gli animali e come si muovevano i nostri antenati. Sei asine per una settimana accompagneranno i bambini a scuola, porteranno cibo agli anziani, saliranno coi giovani sui sentieri del monte di Portofino. Provengono tutte da un allevamento di Reggio Emilia e sono già la felicità di grandi e piccini.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place