CRONACA

Sicurezza e manutenzioni, ecco i perché della protesta

Sciopero dei treni dalle 9 alle 17, disagi per le ferrovie in Liguria

venerdì 17 febbraio 2017
Sciopero dei treni dalle 9 alle 17, disagi per le ferrovie in Liguria

GENOVA - Giornata difficile in Liguria per lo sciopero dei treni programmato dalle 9 alle 17 dalle principali sigle sindacali. A fermarsi è il personale dei convogli regionali per denunciare "le questioni di sicurezza a bordo" e i timori legati al futuro delle officine di manutenzione di Brignole.  Trenitalia assicura che "sarà impegnata a offrire un adeguato livello di servizio sulle linee a maggiore traffico viaggiatori". 

"Trenitalia sostiene di voler installare la videosorveglianza 'live' sui treni Vivalto, misura che non riteniamo assolutamente sufficiente - hanno scritto Fit-Cisl, Filt-Cgil, Orsa e Fast - Trenitalia non è disponibile a mettere proprio personale aggiuntivo o esterno (vigilanza privata) sui treni a maggior rischio nonostante la disponibilità della Regione a finanziare l’operazione e tale rifiuto di fatto fa naufragare la bontà dell’operazione".

Il secondo campanello d'allarme riguarda le attività di manutenzione, con 80 lavoratori che Fs non vorrebbe mantenere a Brignole. I sindacati sono perplessi perché da qui "transita l’80 per cento dei treni regionali, e su questo importante nodo grava anche il prolungamento della metropolitana di Genova sino a San Martino".

La nuova tratta della metrò - che il Comune aveva promesso entro il 2017, mentre i lavori non sono mai partiti - passerebbe proprio sulle aree delle officine. Il Comune, nel Puc, ne aveva vincolato l'uso alle attività ferroviarie e nei mesi scorsi due commissioni tecniche, una di FS e l’altra del Comune, avevano concordato una modifica al tracciato che permetteva di coniugare entrambe le cose.

"Inoltre - concludono i sindacati - la scelta di Fs di chiudere o decentrare in altre regioni attività produttive come l’officina batterie di Savona e l’officina Merci di Rivarolo, determinerà non solo perdite occupazionali sul territorio ligure ma anche un indebolimento dei servizi e tutto ciò nell’assoluto silenzio dei Comuni e della Regione Liguria che sembrano sottovalutare il problema".


Commenti



I NOSTRI BLOG