CRONACA

Unna tragedia ch'a no gh' ancon de responsabili

Quattro anni fa l'alluvion Zena: e si vittime do Feuxan aspetan giustiia

mercoled 04 novembre 2015

L za passou quattranni da quelli 4 de novembre do 2011. Unn'alluvion cha l profondou Zena inte linferno, comme mi lea capitou da-o 1970.


GENOVA - A l’ea unna mattin de novembre comme tante. L’äia bassa, i figgeu a-a scheua, e gente à travaggiâ. E quello çê grixo ch’o l’aximava quarche vegio zeneise.

E l’é za passou quattr’anni da quelli 4 de novembre do 2011. Unn'alluvion ch’a l’à profondou Zena inte l’inferno, comme mäi l’ea capitou da-o 1970. À l’oa de disnâ, dòppo 50 citti d’ægua sensa pösa, o Feuxan o sciòrte da-a seu prexon de ciumento. L’onda de bratta storbia a se piggia con lê sëi persoñe, tra-e quæ doî figgin e unna figgeua de 19 anni.

Da lì à quarche menuto arriva a piña do Besagno. O Borgo di Incroxæ, Brignole, San Viçenso e a Foxe son appossæ into pätan. S’inscia o Sturla, a Screivia, l’Entella. Da tutte e parte gh’é guasti, frañe e devastaçion.

I giorni apreuvo en quelli de polemiche, da raggia, ma anche de chi s’é armou de paa e stivæ pe aggiuttâ a çittæ à mettise torna in pê. Ancheu, à quattr’anni de distansa, no s’é ancon serrou o processo a l’aloa scindico Vincenzi e a-i dirigenti do Comun ch’an fæto papê fäsci pe crovî e responsabilitæ. E oua, dòppo unn’atra alluvion e unna segonda vittima, se comensa à scavâ un canâ piccin, ch’o pòrte in mâ l’ægua infottâ e tutto o dô ch’a l’à caxonou.

VERSIONE ITALIANA

Era una mattina di novembre come tante. L’aria bassa, i ragazzi a scuola, la gente a lavorare. E quel cielo grigio che preoccupava qualche vecchio genovese.

E sono già passati quattro anni da quel 4 novembre 2011. Un’alluvione che ha sprofondato Genova nell’inferno, come mai era capitato dal 1970. All’ora di pranzo, dopo 50 centimetri d’acqua incessante, il Fereggiano esce dalla sua prigione di cemento. L’onda di fango torbido prende con sé sei persone, tra cui due bambini e una ragazza di 19 anni.

Dopo qualche minuto arriva la piena del Bisagno. Borgo Incrociati, Brignole, San Vincenzo e la Foce sono immersi nel pantano. Si gonfiano lo Sturla, lo Scrivia, l’Entella. Ovunque ci sono danni, frane e devastazione.

I giorni seguenti sono quelli delle polemiche, della rabbia, ma anche di chi si è armato di pala e stivali per aiutare la città a rialzarsi. Oggi, a quattro anni di distanza, non si è ancora chiuso il processo all’allora sindaco Vincenzi e ai dirigenti del Comune che hanno falsificato le carte per coprire le responsabilità. E adesso, dopo una seconda alluvione e un’altra vittima, si comincia a scavare un piccolo canale che porti in mare l’acqua rabbiosa e tutto il dolore che ha provocato.

Commenti



I NOSTRI BLOG