PORTI E LOGISTICA

Indetto dai sindacati locali

Porto della Spezia, sciopero di 8 ore e presidio in prefettura dopo la morte dell'operaio

mercoledý 16 maggio 2018
Porto della Spezia, sciopero di 8 ore e presidio in prefettura dopo la morte dell'operaio

LA SPEZIA - Braccia incrociate e stop al lavoro per 8 ore oggi al porto della Spezia. A indire lo sciopero i sindacati confederali locali che protestano per la mancanza di sicurezza nel cantieri navali cittadini dopo la morte dell'operaio croato di 56 anni  Dragan Zekic avvenuta lunedì scorso. L'uomo è morto schiacciato da una lastra di 20 metri precipitata da una gru ai cantieri Antonini, al Muggiano.

Lo sciopero riguarda tutte le categorie eccetto i dipendenti pubblici perché non ci sono i tempi di legge per indirlo. Durante lo sciopero non è esclusa una manifestazione e un presidio di protesta.

Cgil, Cisl e Uil che hanno deciso di organizzare dalle 10 alle 12 un presidio sotto il palazzo della Prefettura sempre per la giornata di mercoledì. I rappresentanti sindacali saranno poi ricevuti dal Prefetto della Spezia. "Fermiamo la strage, basta con i morti sul lavoro" lo slogan della manifestazione. "La città deve fermarsi per un giorno, deve essere una giornata di lutto e riflessione. Occorre rilanciare subito il tavolo della sicurezza provinciale" hanno chiesto Cgil, Cisl e Uil della Spezia.

Commenti


I NOSTRI BLOG