CRONACA

O Comun o l'Ó dŠto o permisso in antišipo

O primmo freido o no ghe m˛lla, anche Ó Zena se peu ašende o rescńdamento

giovedý 22 ottobre 2015

A dešixon a lĺÚ stŠta piggiÔ: anche Ó Zena rescńdamento ašeiso pe dozze oe a-o giorno. O primmo freido o lĺÚ arrivou pe in davei e o Comun, ascý che con un pittin de retardio, o lĺÓ dito de sci. Insemme Ó Zena, anche Ciavai a lĺÓ dŠto o permisso.


GENOVA - A deçixon a l’é stæta piggiâ: anche à Zena rescädamento açeiso pe dozze oe a-o giorno. O primmo freido o l’é arrivou pe in davei e o Comun, ascì che con un pittin de retardio, o l’à dito de sci. Insemme à Zena, anche Ciavai a l’à dæto o permisso.

Primocanale o l’aiva riçevuo ben ben de segnalaçioin da-i abitanti di quartê ciù erti, donde se patisce de ciù o freido, comme Bavai ò Santo Zeuggio. Ma e temperatue son anæte zu anche in sciâ rivea, tanto che fiña Santa Margaita a l’à averto i caloriferi inti giorni passæ.

Mogogni finii in sciâ töa do Marco Döia, scindico de Zena, che inta rubrica “Il Sindaco risponde” o l’à mostrou e raxoin de zinzanie: “Primma de deçidde in sciô rescädamento – o l’à dito – aspëtemmo e previxoin do tempo. No se peu dâ l’autorizzaçion se ne dixan che e temperatue montian torna”.

Dòppo verificou a tendensa climatica, o scindico o l’à emisso l’ordinansa ch’a consente l’açenscion antiçipâ. O rescädamento o se porriâ mette in deuvia pe sëi oe à 20 graddi e atre sëi à 16.

VERSIONE ITALIANA

La decisione è stata presa: anche a Genova riscaldamento acceso per dodici ore al giorno. Il primo freddo è arrivato per davvero e il Comune, sebbene con un po’ di ritardo, ha dato il via libera. Insieme a Genova, anche Chiavari ha dato l’ok.

Primocanale aveva ricevuto varie segnalazioni dagli abitanti dei quartieri più alti, dove si soffre di più il freddo, come Bavari o Sant’Eusebio. Ma le temperature sono crollate anche sulla costa, tanto che persino Santa Margherita Ligure ha aperto i caloriferi nei giorni scorsi.

Lamentele finite sul tavolo di Marco Doria, sindaco di Genova, che nella rubrica “Il Sindaco risponde” ha spiegato le motivazioni dei temporeggiamenti: “Prima di decidere sul riscaldamento – ha detto – aspettiamo le previsioni del tempo. Non si può dare l’autorizzazione se ci dicono che le temperature torneranno a salire”.

Verificata la tendenza climatica, il sindaco ha emesso l’ordinanza che consente l’accensione anticipata. Il riscaldamento si potrà attivare per sei ore al giorno a 20 gradi e altre sei a 16.

Commenti



I NOSTRI BLOG