CRONACA

Il primo cittadino di Genova risponde alle domande dei genovesi

Movida e controlli, Bucci a Primocanale: "Volontari nei vicoli, ma non chiamatele ronde"

martedì 07 novembre 2017

Il sindaco Marco Bucci ha risposto dagli studi di Primocanale alle domande fatte dai cittadini genovesi sui problemi ed esigenze della città nel corso della rubrica settimanale ‘Il sindaco risponde’. Movida, campi nomadi, riorganizzazione dirigenziale, sicurezza e pulizia: tanti i tremi affrontati nella puntata odierna dal primo cittadino di Genova.


GENOVA -  Il sindaco Marco Bucci ha risposto dagli studi di Primocanale alle domande fatte dai cittadini genovesi sui problemi ed esigenze della città nel corso della rubrica settimanale ‘Il sindaco risponde’. Movida, campi nomadi, riorganizzazione dirigenziale, sicurezza e pulizia: tanti i tremi affrontati nella puntata odierna dal primo cittadino di Genova.. 

La prima domanda al sindaco riguarda la nuova ordinanza sulla movida. 

“Prima non c’erano controlli, ora stiamo lavorano su questo aspetto, i controlli devono esserci a tutte le ore. Abbiamo aumentato la sicurezza ma andremo a intensificarli ancora. Andremo a chiedere aiuto ai volontari e ai privati. Ronde? No, non chiamatele così. Si tratterà di gente normale che va in giro a monitorare e controllare quello che avviene lungo i carruggi e le vie della città".

Il sindaco prosegue: "Capisco la preoccupazione dei residenti, ma abbiamo messo in moto alcune attività molto importanti per il rilancio del centro storico. Ricordo che nell’ordinanza sono presenti sistemi di premialità per chi si comporta bene e sanzioni per chi trasgredisce. Tra tre-quattro mesi rivedremo l’ordinanza e la adatteremo a seconda delle situazioni e criticità che emergeranno in questo lasso di tempo. È un’ordinanza flessibile. La civiltà dei cittadini è un aspetto fondamentale. Dobbiamo arrivare ad avere una movida intelligente".

In cosa consiste la riorganizzazione della struttura comunale? I cittadini ne avranno un beneficio? L’ente risparmierà dei soldi?

"Non è tanto una questione di risparmio di soldi. Il nostro vero obiettivo è recuperare efficienza e ottenere risultati. La riorganizzazione è importante. È una rivoluzione culturale. Nuove persone nelle nuove posizioni. Bisogna arrivare a dare servizi ai cittadini in modo più veloce e semplice. Premieremo i risultati e non le opposizioni. Entro 15-20 giorni i dirigenti saranno al loro posto e la riorganizzazione sarà completata. Quando vedremo i primi risultati? Già nei prossini mesi”.

I cittadini di via Lungotorrentesecca chiedono chiarimenti inerenti al progetto di trasferimento dei nomadi nel deposito Atp e Amt in questa via, le saremmo grati se volesse chiarirci la situazione grazie.

"Per quanto riguarda il campo nomadi posso dire che l’area è quella interessata dai lavori della Gronda. Quando questi inizieranno sarà compito di Autostrade sgomberare il campo. L’operatività in questa situazione è in mano ad Autostrade. Per quanto riguarda l’accampamento sul Polcevera posso dire che non devono essere cittadini a pagare a per loro. Saranno spostati in altre aree e dovranno provvedere da soli a pagare le diverse utenze. Noi possiamo e dobbiamo fare qualcosa, perché non è accettabile che queste persone vivano in questo modo".

Buongiorno sindaco le chiedo la situazione legata alla potatura degli alberi di via Casaregis.

“I lavori inizieranno già a partire da domani e andranno avanti fino a febbraio . Ci sono già i cartelli che segnalano tutto, siamo pronti”.

Vorrei ricordare al Sindaco la legge del 2015 che punisce coloro che buttano le cicche di sigarette in terra.

Io non so se qualche vigile urbano ha mai fatto una contravvenzione per questo reato di mal costume, basta guardare fuori dai bar quello che si vede per terra. Forse i Vigili Urbani si sentono degradati a far rispettare questa legge? Per non parlare dei cani che insozzano da tutte le parti e girano senza guinzaglio e museruola come (anche qui) la legge prescrive.

Poi sprechiamo fiumi di parole sulla pulizia delle strade, certo è vero che il pesce puzza dalla testa.

"Abbiamo già fatto multe per il reiterarsi di queste situazioni. E’ un problema che va risolto. Stiamo studiano alcune forme di sanzioni introdotte nei paesi anglosassoni, come obbligare quei cittadini responabili a pagare a loro spese le opere di pulizia necessarie a ristabilire il decoro. Abbiamo intenzione di prendere posizioni chiare. E’ una questione di civiltà. Bisogna poi sottolineare un altro apsetto: In una strada pulita la gente tendenzialmente non butta carta e sigarette per strada. Ecco, dobbiamo continuare e intensificare la pulizia della città anche per questo motivo". 

Dal Civ di Samperdarena arriva al sindaco un suggerimento: “Spostare le attività che si trovano là dove inizieranno i lavori della Gronda proprio a Sampierdarena”.

"E’ un’ottima idea. E’ un’area che ha grosse criticità e può essere l’occasione per un rilancio. In questo senso la semplificazione delle pratiche burocratiche è molto importante".

Gentile sindaco, nei giorni scorsi ho letto su alcuni articoli di stampa della possibilità che la Lanterna, simbolo di Genova, possa addirittura chiudere l’accesso al pubblico? Sarà così? Perché, invece, non provare a valorizzare il nostro simbolo? Si va a Roma per il Colosseo, a Milano per il Duomo, a Genova si dovrebbe venire anche per la Lanterna.

"Sono d’accordo. Sotto la lanterna c’è un parco e c’è un museo. Sono bellissimi e noi vogliamo continuare a promuovere tutta l’area. Nei nostri piani c’è già il progetto che vede la Lanterna collegata con la grande passeggiata che nascerà nella zona del Porto Antico". 

Ogni mattina, i rom che stazionano in piazza della Vittoria la notte, lasciano la piazza sporca. Obbligando la nostra agenzia di pulizie all’intervento per sgomberare il campo da rifiuti vari e usare sostanze profumate per togliere odori acri e molto forti. A questo punto come società Eni è stato fatto tutto quello che si poteva e quindi confido in un suo intervento decisivo affinché questa piazza e nello specifico i portici antistanti l’entrata della nostra società ritornino allo splendore e soprattutto al giusto decoro di molto tempo fa.

"Noi abbiamo tante strutture ricettive che possono essere utili in questo senso. La pulizia è uno dei principali obiettivi che ci siamo dati come amministrazione. Mi spiace che i rappresentanti di una azienda così importante abbiano questo problema. Ma noi stiamo lavorando e ci stiamo impegnando per trovare una soluzione efficace il prima possibile".


Commenti



I NOSTRI BLOG