CRONACA

Toti: "Hanno ragione, basta imboscate e scorciatoie"

MIlleproroghe, tassisti in rivolta: proteste e blocchi in tutta Italia

venerd́ 17 febbraio 2017
MIlleproroghe, tassisti in rivolta: proteste e blocchi in tutta Italia

ROMA -  Taxi in rivolta contro un pacchetto di misure sui servizi di noleggio contenuto nel maxiemendamento al Milleproroghe: sit-in e proteste sono in corso nelle maggiori città italiane messe in atto dai tassisti contro le norme che regolano l'attività di noleggio omologandola a quella dei taxi. Niente auto bianche negli aeroporti e presidio di taxi oggi davanti al Senato.

"Il ministro Delrio si assuma la responsabilità del governo - tuona Nicola Di Giacobbe di Unica taxi Cgil - La legge 21 si può migliorare ma solo con il consenso delle categorie. Gli impegni presi si rispettano". Duro anche il rappresentante di USB taxi Riccardo Cacchione: "Se passa questa norma, le limitazioni territoriali per gli Ncc saranno fortemente ridotte". Per Alessandro Genovese di Ugl taxi "questa è una sanatoria pro Uber e pro abusivi, lo hanno capito tutti. Il governo si assuma la responsabilità di questo".

Il Ministero dei Trasporti ha reso noto che convocherà tutte le sigle sindacali dei tassisti per un incontro martedì prossimo, 21 febbraio, mentre l'Autorità di garanzia sugli scioperi ha scritto ai sindacati "eccependo la violazione della legge sull'esercizio del diritto di sciopero" e invitandoli "a porre in essere le iniziative idonee a far cessare ogni disservizio". In particolare per il grante sono state violate le norme sull'esercizio del diritto di sciopero per quanto riguarda "l'obbligo del preavviso di 10 giorni, la mancata predeterminazione della durata dell'astensione e il mancato rispetto della garanzia delle prestazioni indispensabili".

L'emendamento che ha provocato la protesta dei tassisti prevede un nuovo slittamento, fino al 31 dicembre 2017, all'entrata in vigore delle misure che limitano i servizi di noleggio con conducente (Ncc). La proposta di modifica, a prima firma della senatrice Linda Lanzillotta (Pd), specifica dunque quanto già previsto dal testo approvato dal governo che prevede una proroga al 31 dicembre 2017 del termine per l'emanazione del decreto del Ministero delle infrastrutture contro l'esercizio abusivo del servizio taxi e del servizio di noleggio con conducente.

E mentre le associazioni dei consumatori e alcuni deputati come Anzaldi (Pd) lamentano il fatto che le proteste dei tassisti stanno già danneggiando gravemente gli utenti, - il Codacons fa sapere che depositerà un esposto urgente alle Procure della Repubblica di Roma, Milano e Torino per interruzione del servizio - sono molte le forze politiche che danno ragione ai tassisti.

"Il governo non può prendere in giro e massacrare i lavoratori, in questo caso i tassisti. Il mio sostegno a chi tutti i giorni è in strada a fare il suo lavoro", tuona il segretario della Lega, Matteo Salvini. "Va respinto l'emendamento presentato da alcuni senatori del Pd per rinviare a fine anno la regolazione del settore", dice anche il consigliere di Sinistra per Roma, Stefano Fassina. "Utilizzare il mille proroghe per modificare le condizioni di vita di alcune categorie di lavoratori, senza nemmeno ascoltarli e apponendo la fiducia, è l'ennesimo atto di arroganza del Pd", sostiene il capogruppo di FdI-An, Fabio Rampelli. "Noi stiamo coi tassisti. Basta imboscate e scorciatoie", scrive Giovanni Toti, consigliere politico di Berlusconi e governatore ligure. "I tassisti hanno ragione. Evidentemente nell'inserire l'emendamento Lanzillotta nel Milleproroghe c'è stata disattenzione da parte di tutti, di cui anch'io mi assumo la responsabilità", ammette il senatore Pd Stefano Esposito, vicepresidente della Commissione Trasporti di Palazzo Madama. La protesta ha provocato per tutto il giorno traffico in tilt a Roma, Milano, Torino, Firenze.

Nel capoluogo fiorentino una delegazione di tassisti ha protestato davanti alla prefettura; a Torino i tassisti hanno manifestato stamane a Piazza Castello. A Roma la società di gestione Aeroporti ha messo a disposizione sugli scali di Fiumicino e Ciampino un servizio gratuito di navette sostitutive.

Commenti



I NOSTRI BLOG