CRONACA

L'invito a 40 giorni dalla visita del Pontefice a Genova

Migranti, don Rito a Papa Francesco: “Vieni da noi alla frontiera di Ventimiglia”

di Tiziana Oberti

martedì 18 aprile 2017

“Vieni a trovarci nella nostra frontiera, vogliamo raccontarti nella concretezza come viviamo l’amore di Dio nella quotidianità, nell’accoglienza dei nostri fratelli migranti”. Don Rito Alvarez parroco di Sant’Antonio a Ventimiglia guarda dritto nella telecamera e si rivolge direttamente a Papa Francesco che tra 40 giorni, il 27 maggio, sarà a Genova. Nella sua parrocchia accoglie migranti fuggiti da Siria, Etiopia, Sudan, Somalia in particolare ora minori non accompagnati.


VENTIMIGLIA - “Vieni a trovarci nella nostra frontiera, vogliamo raccontarti nella concretezza come viviamo l’amore di Dio nella quotidianità, nell’accoglienza dei nostri fratelli migranti”. Don Rito Alvarez parroco di Sant’Antonio a Ventimiglia guarda dritto nella telecamera e si rivolge direttamente a Papa Francesco che tra 40 giorni, il 27 maggio, sarà a Genova. Nella sua parrocchia accoglie migranti fuggiti da Siria, Etiopia, Sudan, Somalia in particolare ora minori non accompagnati.

I migranti sono stati dall’inizio al centro del Pontificato di Papa Francesco. Un anno fa la visita a Lesbo, periferia d’Europa, dove il Papa è voluto andare per incontrare chi scappa dalle guerre e che, arrivando in Europa, non realizza le speranza ma si trova spesso rinchiusa in campi di accoglienza.

“A Ventimiglia abbiamo conosciuto tante storie umane, tristi, terribili - ricorda don Rito - in molti hanno perso la vita sull’autostrada, sulle rotaie dei treni, sui sentieri” . E risuonano le parole di un tweet del Pontefice: “I profughi non sono numeri, sono volti e persone”.

“Non siete soli, troppe volte non vi abbiamo accolto” ha detto a Lesbo Papa Francesco lanciando un appello all’Unione Europea. Da un anno a questa parte però nulla sembra essere cambiato. Gli sbarchi continuano e sono destinati ad aumentare. E così lo è anche per Ventimiglia dove l’emergenza non è mai finita e ora con l’arrivo dell’estate l’amministrazione, i commercianti temono una nuova invasione della cittadina di frontiera.

Don Rito a Ventimiglia dopo aver accolto migliaia di donne e uomini ora si concentra sui ragazzi, minorenni arrivati in Italia non accompagnati. Venti anni fa è partito dalla Colombia dalla regione dei narcos, dei guerriglieri ed è arrivato in Italia e racconta che non poteva non accogliere: “Nella mia mente pensavo ai miei genitori, ai mie fratelli costretti a fuggire senza potersi portare neanche le pentole e da cristiano poi non potevo chiudere cuore, occhi e porte a queste persone”.

“Vorrei dire a Papa Francesco - conclude don Rito - di continuare a incoraggiarci ad annunciare il Vangelo con la nostra vita non con le parole".

E chissà che Francesco non raccolga l'appello di don Rito.

Commenti



I NOSTRI BLOG