IL COMMENTO

Il centrosinistra e le elezioni comunali a Genova

La rinuncia di Borzani alza l'asticella nella scelta del candidato sindaco Pd

di Luigi Leone

mercoledý 08 marzo 2017
La rinuncia di Borzani alza l'asticella nella scelta del candidato sindaco Pd

Se mai ci fossero stati dei dubbi, ora è certo: il candidato sindaco del Pd a Genova non sarà Luca Borzani. Con un post su Facebook, come usa oggi, ha tagliato la testa al toro. In realtà bastava conoscere Borzani appena un po' per sapere che sarebbe finita così. Anche perché, a dirla tutta, questa storia della candidatura non è mai davvero cominciata. Il timoniere del Ducale lo aveva già detto e lo disse avendoci comunque pensato sopra, non essendo tipo da irrazionali fughe in avanti. Magari le pressioni delle scorse settimane lo hanno indotto a qualche riflessione ulteriore, ma insomma, secondo lui non era cosa e cosa non è stata.

Rispetto a prima, però, Borzani regala una motivazione più articolata: essere utili agli altri significa fare ciò di cui si è capaci, ciò che può riuscire anche fisicamente senza ripiegarsi esclusivamente su decisioni autoreferenziale e che riguardano esclusivamente se stessi.

Bene, il vero succo della rinuncia è questo ed è anche un bel messaggio ai troppi personaggi che dentro il Pd genovese ancora cercano di imporre la propria presenza. Nonostante siano complici del disastro attuale, sebbene abbiano comunque una già lunga carriera politica alle spalle, ad onta del fatto che dal successo di Marco Doria alle primarie in poi (non era un piddino eppure inflisse una rovinosa sconfitta all'allora sindaco Marta Vincenzi e all'odierna ministra Roberta Pinotti) il partito abbia inanellato una serie di sconfitte e sventure al limite dell'incredibile.

Che cosa dice in modo non troppo subliminale Borzani? Fare un passo indietro è una regola d'oro, in certi momenti, e questo non significa chiamarsi fuori dall'impegno, visto che egli stesso conferma la propria adesione al progetto e quindi il proprio sforzo per renderlo finalmente vincente. Solo, non c'è bisogno di avere una poltrona appiccicata alle proprie terga.

Qualcuno obietterà: facile, per uno che comunque sta comodamente seduto sullo scranno più alto del Ducale. Intanto non è una postazione così comoda, e in ogni caso occuparsi di una azienda pur importante della cultura non è la stessa cosa che guidare Tursi. Sotto qualsiasi punto di vista la si voglia vedere, la verità è che il tipo di rinuncia fatta da Borzani da una parte dice che lui poteva essere davvero l'uomo giusto per Tursi e dall'altra impone al Pd una più autentica autocritica e assunzione di responsabilità. Se un Borzani rifiuta di correre giudicandosi non all'altezza del ruolo, almeno in questa sua fase di vita politica e personale, non è che adesso i Dem possono propinarci un candidato purchessia. L'asticella ora sta dove l'ha posizionata Borzani. Ed è parecchio in alto.

 

Commenti



I NOSTRI BLOG