CULTURA

Replica al carcere di Marassi dopo il successo di questa estate

In scena al Teatro dell'Arca, "La Leggenda di Moby Dick" raccontata da Chierici

giovedý 07 dicembre 2017
In scena al Teatro dell'Arca,

GENOVA - Va in scena l'8 dicembre lo spettacolo "La Leggenda di Moby Dick" al Teatro dell'Arca, all'interno della Casa Circondariale di Marassi. Evento che vuole sia ricordare un po' della storia teatrale genovese sia trasmettere quanto sia importante oggi il rispetto della natura, tema molto attuale. E lo fa attraverso la musica e i suoni: assieme a Igor Chierici, che vestirà i panni di Ismaele, sul palco saranno presenti sei suonatori di tamburi giapponesi (Taiko) che interpreteranno la caccia alla balena accompagnati da un violoncello e un'arpa e il regista Luca Cicolella nel ruolo di Queequeg. Una rappresentazione adatta a tutti, dalle scuole che assisteranno al mattino ai detenuti che potranno vederla nel pomeriggio.

A raccontarcelo è proprio Igor Chierici, coregista e attore.

Come nasce l'idea di realizzare uno spettacolo tratto da "Moby Dick"?

L'idea dello spettacolo nasce l'estate scorsa un po' per caso, a dire la verità. Dopo aver debuttato due anni fa con "Il pianista sull'oceano" sull'Isola delle Chiatte, volevo rimanere sul filone del tema marino. Quest'anno era anche il venticinquennale della messa in scena di Vittorio Gassman di "Ulisse e la balena bianca", realizzata proprio nello stesso contesto del Porto Antico e dell'inaugurazione dell'Acquario di Genova.

Due aggettivi con cui lo descriveresti !

Potente e incisivo.

Perché vedere oggi "Moby Dick": che cosa ci può ancora trasmettere?

"Moby Dick" è un colosso della narrativa mondiale, scritto da Melville e riscoperto anche dopo. Perché oggi più che allora? Forse perché questo senso di non riuscire a stare fermi che ha sempre spinto l'uomo ad andare oltre le sue potenzialità fisiche è molto attuale. Melville ci insegna, però, che quando l'obbiettivo è troppo alto e va a minare la natura è molto rischioso.

Scelta per la messa in scena molto particolare: che legame c'è con il Teatro dell'Arca?

Lo dice un po' il nome stesso del teatro: l'arca è una delle più grandi navi mai state costruite dall'uomo. L'arca di Noé come quella del carcere di Marassi raccoglie tutte quelle "specie" che noi non siamo abituati a vedere nelle nostre strade o meglio non sappiamo riconoscere. Sono realtà diverse dalla nostra con cui ci incontriamo e scontriamo. L'Arca è un teatro interamente costruito in legno, quindi lo si può ricondurre ad una nave dell'epoca settecentesca come il Pequod.

Commenti



I NOSTRI BLOG