CRONACA

I amministratoţ: "Semmo costreiti Ó intervegnţ"

I cond˛mini no pagan l'amministrašion, Ó Zena 300 appartamenti confiscŠ inte un anno

giovedý 05 novembre 2015

└ Zena scceuppa un neuvo caxo, quello di appartamenti confiscŠ. Inte un solo anno son stŠte 300 e abitašioin sexie pe-o mancou pagamento de speise d'amministrašion.


GENOVA - À Zena scceuppa un neuvo caxo, quello di appartamenti confiscæ. Inte un solo anno son stæte 300 e abitaçioin sexie pe-o mancou pagamento de speise d'amministraçion. O dæto allarmante, riferio a-o 2014, ô dà o Pierluigi D'Angelo, Prescidente de Anaci Genova, l'associaçion ch'a riunisce i amministratoî de condominio.

Saiâ pe-a crixi ò perché à pagâ gh'é delongo tempo, fæto l'é che i mâpaga son un problema sempre ciù gròsso. Coscì, se da unna parte gh'é chi s'attreuva feua de cà, da l'atra a graña a l'é pe-i amministratoî. Dixe o D'Angelo: “Semmo vegnui di sceriffi. Dòppo 6 meixi ch'emmo serrou l'eserciçio, semmo costreiti à fâ sexî i appartamenti. Semmo apreuvo à çercâ de soluçioin co-e banche”.

Unna magagna ch'a tocca l'ediliçia pubrica ascì. O D'Angelo o se sfeuga: “Tra-i pixonanti de Arte un quarto no pagan. Semmo in zenoggio: i fornitoî restan sensa dinæ e e banche no dan ninte pe ninte. I costi son pesantiscimi”.

VERSIONE ITALIANA

A Genova scoppia un nuovo caso, quello degli appartamenti pignorati. In un solo anno sono state 300 le abitazioni sequestrate per il mancato pagamento delle spese d'amministrazione. Il dato allarmante, riferito al 2014, lo dà Pierluigi d'Angelo, presidente di Anaci Genova, l'associazione che riunisce gli amministratori di condominio.

Sarà per la crisi o perché a pagare c'è sempre tempo, fatto sta che i morosi sono un problema sempre più grosso. Così, se da una parte c'è chi si ritrova fuori casa, dall'altra la grana è per gli amministratori. Spiega D'Angelo: “Siamo diventati sceriffi. Dopo 6 mesi dalla chiusura dell'esercizio, siamo costretti a far sequestrare gli appartamenti. Stiamo cercando soluzioni con le banche”.

Una problematica che riguarda anche l'edilizia pubblica. D'Angelo si sfoga: “Tra gli inquilini di Arte un quarto non paga. Siamo in ginocchi: i fornitori sono senza soldi e le banche non danno nulla gratis. I costi sono pesantissimi”.

Commenti



I NOSTRI BLOG