IL COMMENTO

Il nuovo segretario Pandolfo occupa un posto rischioso ma entusiasmante

E da oggi il Pd genovese Ŕ in mano ai 'renziani senza Renzi'

di Mario Paternostro

giovedý 26 ottobre 2017
E da oggi il Pd genovese Ŕ in mano ai 'renziani senza Renzi'

Il Pd genovese è da stasera nelle mani dei "renziani senza Renzi" la nuova maggioranza che con grande destrezza e tattica militare ha messo in piedi la ministra della Difesa, Roberta Pinotti. Renziana ma Franceschiniana, il ministro di punta del governo Gentiloni costruendo un consenso vasto senza mai scendere nelle modeste beghe locali ha sfoderato il suo candidato e il partito lacerato e sfibrato ha indicato il nuovo segretario.

Così Alberto Pandolfo, liberal, moderato, educato, ma da molto tempo presente, occupa un posto rischioso ma entusiasmante. Guida una maggioranza di "renziani senza Renzi" con l'appoggio degli orlandiani. Ha silenziato anche gli ultras della curva Regazzoni che lanciano proclami spesso ficcanti e giusti, ma troppo tranchant per essere politici. Pandolfo saprà ascoltarli e tradurli nel bonton di una politica che il Pd locale deve ridisegnare da zero.

Un partito da ricostruire, ma soprattutto un rapporto con gli elettori da inventare dopo gli strafalcioni compiuti con le regionali e le ultime comunali dalle falangi burlandiane. Non si tratta di bazzicare in qualche quartiere o scrivere inutili comunicati di adesione. Bisogna vivere la città, i suoi bisogni e disagi. Senza scelte ideologiche a parte quelle irrinunciabili. Il Pd dovrà imparare dagli ultras regazzoniani a parlare di sicurezza, di pulizia, di ordine, di argomenti che hanno allontanato dal vecchio partito migliaia di votanti popolari. Non i voti sfuggenti della buona borghesia che ha amato Renzi e ora lo ha prontamente scaricato avendo a Genova due cavalli vincenti come Toti e Bucci.

Il lavoro di Alberto Pandolfo sarà titanico. Interno e esterno, innovatore e tradizionale. Non potrà permettersi di perdere quelli che stavano con Bersani, quelli delle ex fabbriche o del porto. Dovranno aiutarlo Roberta Pinotti e anche il bravo ministro della Giustizia che pochi giorni fa dai microfoni di Spritz ha raccolto l'elogio prezioso di un magistrato serio come il presidente Claudio Viazzi, un signore che non scherza sulla giustizia e che non rinnega le sue idee quando mantenerle salde non inficia l'indipendenza sacra della magistratura.

Dopo le regionali siciliane potrebbero cambiare alcune cose dentro il Pd e Orlando e Pinotti potrebbero far pesare un atteggiamento più collaborativo con la sinistra non certo quella da operetta di D'Alema e dei suoi"bravi". E il nuovo Pd genovese potrebbe diventare un esperimento interessante. Tanto per cambiare.

Commenti



I NOSTRI BLOG