CRONACA

"Rixi: 'Creeranno nuova occupazione"

Dalla Regione quasi 3 milioni di euro per investimenti nelle aree di crisi

sabato 18 novembre 2017
Dalla Regione quasi 3 milioni di euro per investimenti nelle aree di crisi

GENOVA - "Entro fine anno vogliamo arrivare alla sottoscrizione dell'accordo di programma per consentire alle imprese piccole, medie e grandi, che siano interessate, di fare investimenti produttivi nei Comuni che rientrano nelle aree di crisi semplice e quindi creare nuova occupazione".

Lo annuncia l'assessore regionale allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi, dopo che in giunta è stato recepito lo stanziamento da parte del Mise di 2,4 milioni per le aree di crisi non complessa della Liguria, a cui la Regione contribuirà con ulteriori 480 mila euro. "Pensiamo anche- aggiunte l'assessore Rixi - all'eventuale impiego anche di risorse europee per incentivare le aziende a investire su questi territori".

 

Le aree di crisi industriale non complessa sono state individuate dal decreto ministeriale del 4 agosto 2016 che indicato per la Regione Liguria un elenco di sistemi locali del lavoro da scegliersi per un massimo di popolazione compresa di 399.792 abitanti, pari al 24,9% della popolazione regionale del 2015. I sistemi locali del lavoro selezionabili dovevano comprendere una popolazione massima di 240.385 abitanti, il 15% della popolazione regionale del 2015, con limite massimo di scarto dell'1%. In particolare, per la provincia di Genova, sono comprese nell'elenco delle aree di crisi semplice quelle portuali, parte della Val Polcevera, le aree di Cornigliano, Erzelli, entroterra di Voltri, entroterra chiavarese, i Comuni di Casarza ligure e Castiglione Chiavarese -, Chiavari, Lavagna, Val Fontanabuona e Val d'Aveto. Per la provincia della Spezia le aree individuate sono: i Comuni della Spezia, Arcola, Bolano, Santo Stefano Magra e Follo. Per la provincia di Imperia, le valli Prino, Arroscia e Impero con i Comuni di: Borgomaro, Caravonica, Chiusanico, Chiusavecchia, Dolcedo, Pieve di Teco, Pontedassio, Pornassio, Prelà, Rezzo e Vessalico.

Commenti



I NOSTRI BLOG