CURIOSITà

Il progetto Antea si occupa proprio di ricerca in questo campo

Dal giardino alla cucina, arrivano i fiori commestibili: eccone alcuni

martedž 10 luglio 2018



SANREMO -  Fiori commestibili, è questo il progetto ambizioso di Antea che assieme all’università e ad altri partner punta alla ricerca scientifica e alla riorganizzazione di questo campo. Promosso dal Crea di Sanremo, l’obbiettivo è quello di applicare le innovazioni tecnologiche in grado di valorizzarne la produzione, qualità, trasporto, conservazione, logistica e marketing.

Utilizzati dai grandi chef prima come decorazioni, oggi nelle cucine dei ristoranti i fiori stanno diventando delle vere e proprie prelibatezze da assaggiare. E alcuni di questi si possono addirittura trovare nel proprio giardino… “La monarda che è un bellissimo fiore da giardino, ma ha anche un gusto particolare tanto che può essere utilizzato come sostituto dell’origano”, spiega Andrea Copetta, ricercatore CREA a Sanremo. “Le begonie, che uno tranquillamente può coltivare sul proprio terrazzo, hanno un sapore acidulo, a metà tra l’aceto e il liquore”.

Ma ci sono poi anche specialità esotiche non facili da trovare. “Direttamente dalla foresta amazzonica, l’acmella oleracea, che è frizzante, un po’ piccante e persistente in bocca”, conclude Coppetta.

Unica precauzione: queste piante che vengono utilizzate a scopo alimentare non possono essere comprate dai venditori di fiori ma vanno coltivate apposta e in maniera biologica.

Commenti


I NOSTRI BLOG