POLITICA

Il deputato savonese: "I portavoce non si intromettano"

Caos M5s, Mantero attacca Salvatore. Grillo: "Chi non d'accordo se ne vada"

luned 20 marzo 2017



GENOVA - "Chi ha portato Genova a questa situazione deve farsi un esame di coscienza e assumersi le sue responsabilità. Alice Salvatore? È sicuramente tra i responsabili". A parlare questa volta non è un dissidente del Movimento 5 Stelle, ma il parlamentare Matteo Mantero, commerciante savonese e Deputato.

A rispondergli a distanza è direttamente Beppe Grillo"Una democrazia senza regole non è una democrazia, noi abbiamo le nostre regole. Io sono il garante e le faccio rispettare, chi non è d'accordo si faccia un altro partito", afferma il leader M5s a margine di un convegno sull'acqua in corso alla Camera.

Mantero non lesina critiche alla consigliera regionale: "E' entrata nelle dinamiche delle scelte del candidato di Genova quando noi portavoce parlamentari siamo tenuti alla larga dalle dinamiche del gruppo. Avrebbero dovuto farlo tutti i portavoce, non vedo perchè una portavoce regionale si debba intromettere nella scelta del candidato sindaco della città, anche se è la sua città" spiega Mantero che già nei giorni scorsi aveva parlato di 'guerra tra bande' nel capoluogo ligure".

"Voglio precisare che Alice Salvatore non è l'unica responsabile - prosegue il Deputato savonese - Serve un esame di coscienza. Quello che è accaduto serva per ragionare e per pensare al futuro di Genova. E' una città importante. Possiamo vincere Genova se lavoriamo insieme, non se ci facciamo la guerra".

E intanto arriva la notizia di altre fuoriuscite dal movimento: a Sarzana il consigliere comunale Valter Chiappini, vicino a Francesco Battistini che ha lasciato recentemente il gruppo in Regione, ha deciso di autosospendersi. E in una lettera aperta lo fa con parole durissime: "Esco da un sogno trasformato in incubo - scrive Chiappini - I principi del Movimento sono oggi un cumulo di macerie, demoliti da questa pazzesca deriva".




I NOSTRI BLOG