CRONACA


Blitz al covo delle Br di via Fracchia a Genova, chiesta l'archiviazione dell'indagine

giovedý 11 ottobre 2018
Blitz al covo delle Br di via Fracchia a Genova, chiesta l'archiviazione dell'indagine

GENOVA -  Il sostituto procuratore Federico Manotti ha chiesto l'archiviazione per l'inchiesta sull'irruzione in via Fracchia nel 1980, il covo delle Br in cui vennero uccisi dai carabinieri quattro brigatisti rossi. L'indagine era nata dopo l'esposto di Luigi Grasso, ricercatore universitario che nel 1979 venne accusato di terrorismo e negli anni successivi completamente prosciolto.

"Quello di Dura è stato un omicidio volontario, venne ucciso con un solo colpo alla nuca", aveva scritto nella denuncia Grasso. Il ricercatore aveva deciso di presentare l'esposto dopo una ricerca personale negli archivi giudiziari. In quegli atti c'è la ricostruzione dei fatti spiegata da Michele Riccio, il braccio destro del generale generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Dalla lettura di quei fatti Grasso era arrivato alla conclusione che l'uccisione del brigatista Riccardo Dura sarebbe stato un omicidio volontario.

Per il pm, però, nel corso delle indagini non sarebbero emersi elementi nuovi, per cui l'inchiesta va chiusa. Resta ancora in piedi, invece, l'indagine sulla sparizione dei fascicoli relativi all'irruzione dagli archivi giudiziari di Morimondo (Milano) dove erano stati trasferiti. Il procuratore capo Francesco Cozzi aveva aperto una indagine per furto aggravato. La scoperta era avvenuta nei mesi scorsi, dopo l'apertura dell'inchiesta per omicidio volontario. Il fascicolo era nell'Archivio di stato a Genova fino al 2016, anno in cui era stato deciso il trasferimento in Lombardia. Non si sa, però, se gli atti non siano mai arrivati o se siano spariti una volta giunti lì.

Commenti


I NOSTRI BLOG

zeneize tomorrow
Grif House
Samp Place